Compiti@Casa, università e scuole medie tra studio e relazione

  • 11 mesi fa
Torino, 31 mag. (askanews) - Studenti delle scuole medie arrivati da tutta Italia per festeggiare un progetto che li ha messi in relazione con studenti universitari che li hanno aiutati nello studio, ma anche accompagnati più in generale nel processo di crescita. Nel Campus Einaudi dell'Università di Torino si è tenuto l'atto conclusivo dell'edizione 2023 del progetto Compiti@Casa, nato dalla collaborazione tra la Fondazione De Agostini e l'ateneo e sostenuto anche da IGT e Fondazione Alberto e Franca Riva. "Oggi - ha detto ad askanews Marina Marchisio, professore ordinario all'Università di Torino e coordinatrice del progetto - è un momento di festa per tutti noi, perché rappresenta la conclusione della terza edizione di Compiti@Casa che ha visto coinvolti 300 studenti della scuola secondaria di primo grado di tutta Italia, oltre 105 tutor dell'Università di Torino, dell'Università del Piemonte Orientale e del Politecnico di Torino, 31 docenti referenti e molte altre persone che hanno collaborato".Le attività di sostegno all'apprendimento delle materie umanistiche, della matematica e delle discipline scientifiche si sono svolte a distanza utilizzando un ambiente digitale di apprendimento che consente attività formative in sincrono e la condivisione di contenuti interattivi. Ma l'esperienza è andata oltre il semplice livello didattico. "I tutor - ha aggiunto Marcella Drago, segretario generale della Fondazione De Agostini - sono diventati, nell'arco delle 12 settimane del progetto, un po' come dei fratelli e delle sorelle maggiori per questi ragazzi. E Compiti@Casa non è soltanto un momento nel quale si fanno i compiti, ma anche, come hanno raccontato i ragazzi, si chiacchiera, si condivide, ci si ascolta, ci si racconta. Ecco: Compiti@Casa è questo, è apprendimento, ma anche e soprattutto relazione e condivisione".Alla terza edizione hanno preso parte scuole di Novara, Torino, Milano, ma anche di Roma, Napoli e Palermo. "La parte principale di questo progetto - ci ha detto Andrea Polesel, uno dei tutor che hanno affiancato gli studenti - riguarda proprio la relazione che si vene a creare con i ragazzi, il fatto che in tanti momenti ci sia l'occasione per confrontarsi, per raccontarsi. Hanno avuto modo di raccontare i problemi che affrontano a scuola e nella vita privata, e questo crea un clima positivo per loro a livello relazionale, che poi ha tutta una serie di ripercussioni sia sul rendimento scolastico, ma soprattutto sulla persona"."Lavorare con loro significa investire sul futuro - ha concluso la professoressa Marchisio - a maggior ragione perché saranno loro le generazioni del futuro. E prima si parte, meglio è". E in una società che tende purtroppo a favorire l'isolamento delle persone, soprattutto dei più giovani, un progetto di condivisione anche umana come questo, oltre che combattere la povertà educativa e la dispersione scolastica, sembra rispondere a bisogni sociali nel senso più largo del termine.

Consigliato