A Rimini nascono gli Iat Diffusi bar, ristoranti e negozi in aiuto al turista

altarimini
11
12 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
A partire dall'estate 2013 la città di Rimini darà vita ad una sperimentazione inedita nel panorama delle grandi località turistiche italiane con il progetto IO-INFO. IAT Diffuso.
Venticinque esercenti di Rimini fra alberghi, ristoranti, bar, edicole, agenzie viaggi e cooperative di alberghi, si renderanno disponibili per offrire ai clienti e ai turisti di Rimini un nuovo servizio aggiuntivo di informazione su eventi, opportunità, servizi presenti sul territorio. Tali esercizi commerciali diventeranno quindi, di fatto, punti diffusi di informazione e accoglienza turistica del territorio, come ulteriore offerta informativa integrata al sistema istituzionale degli Uffici di Informazione e Accoglienza Turistica-IAT. Una vera e propria 'rete' di accoglienza gestita da 'testimonial' di Rimini in grado di offrire con passione e conoscenze alcuni servizi di informazione di base.
L'iniziativa IO_INFO, nata da un'idea del Piano Strategico di Rimini in collaborazione con Rimini Reservation (società che gestisce gli Uffici di Informazione e Accoglienza Turistica del Comune di Rimini) e con l'Assessorato al Turismo del Comune di Rimini, è stata presentata venerdì 17 maggio alla presenza dell'Assessore Gianluca Brasini del Comune di Rimini, dell'Assessore regionale al Turismo Maurizio Melucci, del Presidente del Forum Rimini Venture Maurizio Ermeti e del Presidente di Rimini Reservation Ivan Gambaccini. Si tratta infatti della prima tappa di un percorso che mira a diffondere capillarmente un nuovo concetto di accoglienza nel territorio riminese e, più in generale, in tutto il sistema costiero regionale.
La scelta di selezionare e di invitare a partecipare nel 2013, anno di "start up" del progetto, operatori di Rimini Centro Storico, Miramare e Torre Pedrera, è stata dettata dalla posizione nevralgica di tali aree all'interno del territorio del Comune di Rimini e dalla necessità di testare il progetto prima di applicarlo su vasta scala. Successive edizioni saranno realizzate, a partire dal prossimo anno, per ampliare il coinvolgimento agli operatori di tutto il territorio. Parallelamente è già stato condiviso un accordo con Cervia Turismo e con Ravenna Incoming per diffondere tale sperimentazione anche in altri territori della costa.
Alla prima presentazione del progetto, che si è svolta presso la sala congressi dell'hotel Waldorf lo scorso 21 febbraio, sono intervenuti oltre cinquanta operatori commerciali delle località selezionate per questa prima edizione. I requisiti richiesti per entrare a fare parte della rete degli uffici di accoglienza diffusa sono stati, oltre naturalmente all'interesse per questa nuova iniziativa, la dotazione di un collegamento internet all'interno del proprio esercizio e la partecipazione ad un percorso formativo di approfondimento e aggiornamento delle proprie conoscenze.
Il percorso formativo è partito il 7 marzo con 25 iscritti dei seguenti esercizi commerciali:
Hotel: Rosati, Life, Palos, Golden, Astor, Aurea, Miramare et de la Ville, Giumer, Ischia, Napoleon, Dei Platani, Torre Pedrera hotels & co.;
Edicole: Hotel Palos;
Agenzie viaggi: I viaggi di Bianco e Blu;
Ristoranti: da Guido, Zodiaco, Fronte Mare, La Marianna, Dallo Zio, Osteria de Borg, NudeCrud, Antica Drogheria Spazi
Bar/ristoranti sulla spiaggia: Bar Rondine e Bar Donatella;
Caffè del Centro Storico: Caffè Turismo, Caffè Porta Romana.
Il corso, gratuito, si è avvalso della presenza di docenti altamente qualificati ed ha affrontato e approfondito tre tematiche fondamentali, sviluppate in altrettanti moduli formativi:
- Conoscenza del territorio (Rimini, Valmarecchia, San Marino, Valconca): 6 ore di aula
- Conoscenza dei principali social network, compresi i social destinati alla condivisione di immagini fotografiche, e dei portali di informazione turistica del territorio: 8 ore di aula
- Corso di lingua russa (modulo facoltativo): 16 ore di aula.
Il corso si è concluso il 23 aprile con una visita guidata al patrimonio artistico della nostra città.
In occasione della presentazione del 17 maggio, i partecipanti al percorso hanno ricevuto gli attestati di partecipazione. Agli operatori coinvolti verranno inoltre forniti insegne e materiali di comunicazione (vetrofanie, totem).
Per la realizzazione dei materiali è stato studiato un apposito marchio, "IO-Info", che contraddistinguerà gli esercizi che progressivamente aderiranno al progetto.
Lo sviluppo del progetto sarà coordinato da Rimini Reservation che metterà a disposizione degli esercenti del circuito un operatore dedicato.

0 commenti