I paesi del Golfo Persico pronti a passare all'energia solare. Negli Emirati Arabi Uniti miliardi di dollari di investimenti

TM News  Video
840
35 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Abu Dhabi (TMNews) - Il petrolio varca le soglie del Terzo millennio. Per decenni i paesi del Golfo Persico hanno basato il loro sviluppo sui combustibili fossili ad alto potere inquinante. Ma il trend sta cambiando e al potere dell'oro nero sta gradualmente cominciando a sostituirsi l'energia del Sole, risorsa peculiare di queste latitudini.Shams 1, inaugurata nel marzo scorso, un impianto di energia solare in grado di produrre 100 megawatt sufficienti per 20mila tra abitazioni e imprese, è la carta vincente proposta dagli Emirati Arabi Uniti, federazione di sette emirati nel Sud-est della penisola araba. Come spiega il sultano Ahmed Al Jaber responsabile del progetto da 22 miliardi dollari di Masdar City, alla periferia di Abu Dhabi."Shams 1 è il primo passo di un piano strategico che mira a diversificare le fonti energetiche che dovrà arrivare a produrre il 7% dell'elettricità necessaria ad Abu Dhabi".Masdar City sarà una città di 40mila abitanti progettata per ridurre al minimo le emissioni di carbonio nell'atmosfera con vetture elettriche telecomandate, illuminazione stradale avveniristica, ricircolo idrico e un sistema di aria condizionata diffuso capillarmente.Nonostante la crisi, le ambizioni volano alte."L'idea, sottolinea il sultano Al Ali, responsabile del Fondo investimenti immobiliari di Masdar, resta quella di costruire una città ecosostenibile che possa servire da modello urbanistico per il futuro, replicabile altrove".Tra i principali esportatori di gas e petrolio, gli Emirati Arabi Uniti si piazzano al terzo posto nel mondo per le emissioni pro capite di carbonio. Anche per questo in Dubai il governo ha deciso di investire 3 miliardi di dollari per un impianto solare in grado di produrre, entro il 2030, dieci volte il potenziale di Shams 1.Nel Golfo è partita la corsa all'oro giallo.(Immagini Afp)

0 commenti