Advertising Console

    Sudafrica, il brand Mandela al centro di una faida familiare. Il nome di Madiba genera business e oppone parenti e avvocati

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    32 visualizzazioni
    Johannesburg, (TMNews) - Una battaglia senza esclusione di colpi nel nome di Mandela, e non per nobili ideali ma unicamente in nome del business. Dietrol'anziano premio Nobel per la Pace, primo presidente nero nella storia del Sudafrica, si sta infatti consumando una dura controversia legale che oppone parte della sua famiglia e George Bizos, un avvocato e amico di lunga data di Madiba. Il nome Mandela, sinonimo di lotta all'apartheid e alle ingiustizie, genera soldi: dai piccoli souvenir, come spille o t-shirts, fino a una vasta gamma di bottiglie di vino piazzate ai turisti e al mercato cinese. "Mio nonno ci ha fatto un grande dono - spiega una nipote - noi cerchiamo di salvaguardare la sua eredità attraverso il vino. Pensiamo che sia un grande progetto e non ci vergognamo nell'usare così il nostro nome". Da una parte figlie e nipoti di Mandela, dal'altra Bizos. Le prime accusano l'avvocato di aver gestito per proprio conto il business di alcuni disegni di Mandela. Il secondo accusa le prime di volerlo estromettere. "Vogliono avere il controllo totale di grosse somme di denaro - racconta - e gestirlo per il beneficio di una limitata parte della famiglia. Il nostro dovere è di restare fedeli a quanto ci ha chiesto il signor Mandela". Tanto fragile l'uomo, appena dimesso dall'ennesimo ricovero in ospedale, e tanto più forte e appetibile il suo brand globale.(immagini Afp)