Un oledotto dal Nebraska al Texas: la grana ambientale di Obama. Agricoltori e ambientalisti contro l'impianto Keystone XL

askanews

per askanews

846
7 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Washington (TMNews) - Consentirà di trasportare petrolio canadese fino alle raffinerie del Texas: ma l'oleodotto Keystone XL, prima ancora di nascere, solleva già numerose polemiche e critiche. Soprattutto da parte degli agricoltori del Nebraska, ma anche dei gruppi ecologisti e ambientalisti che si sentono traditi da Obama, che invece sembra appoggiare la realizzazione del controverso oleodotto.Questa donna, Abbi Kleinschmidt, possiede decine e decine di ettari di terreno, dove produce mais e soia, che - secondo lei - saranno minacciati dall'oleodotto che finirà per essere costruito proprio vicino al suo terreno."Dicono che la conduttura trasporterà petrolio caldo a 40 gradi sotto pressione - afferma la donna - e questo distruggerà tutte le mie radici, sarà troppo caldo".Preoccupazioni che invece sono state subito messe a tacere dalla compagnia TransCanada, incaricata di realizzare l'oleodotto."Stiamo predisponendo un impianto di sorveglianza aerea su tutta la conduttura - spiega Vern Meier, vicepresidente di TransCanada - ci saranno delle ispezioni programmate, dei test e altre installazioni in superficie, e anche l'oleodotto sarà ispezionato, per assicurare che non ci saranno problemi di corrosione".Le compagnie petrolifere costruttrici dell'oleodotto hanno anche assicurato la creazione di migliaia di posti di lavoro. Ma ciò non basta a placare le proteste.Gli abitanti e gli agricoltori del Nebraska si sentono infatti traditi da Obama, da cui si attendevano un impegno maggiore sulle energie rinnovabili piuttosto che su questo nuovo progetto.Immagini: Afp

0 commenti