Advertising Console

    India, le leggi anti-pirateria mandano in crisi industria navale. Nuove regole sulla navigazione al largo della Somalia

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    48 visualizzazioni
    Roma, (TMNews) - India, porto di Mandvi, dove da oltre 400 anni si costruiscono navi in partenza soprattutto per la Somalia, terra particolarmente appetibile per il commercio via mare. Ma ora in questa città l'industria delle costruzioni navali ha subito una battuta d'arresto. Il motivo? Le autorità locali hanno imposto delle regole rigidissime in seguito ai numerosi casi di attacchi pirati al largo della Somalia. Le norme restrittive sono state introdotte nel 2010: da quel momento, a Mandvi non è più la stessa cosa e vedere una nave in costruzione è diventato quasi un miraggio.Dietro la costruzione di una imbarcazione c'è una lunga catena produttiva: il processo inizia dalla realizzazione di una miniatura; si prosegue con l'assistenza agli ingegneri per valutare le tanuta di questo tipo di imbarcazioni, fino al varo e al trasporto della merce. Shivij è uno di questi costruttori di miniature. Spiega l'importanza di questo processo:"Questo tipo di navi riescono a fendere le acque, è impossibile che l'acqua entri. Hanno le stesse capacità delle navi più grandi in mare agitato".Nonostante questa eccellenza, a Mandvi l'industria navale è sempre più in difficoltà.Immagini: Afp