Advertising Console

    Boschi ai privati, in Liguria gli ambientalisti si dividono. Wwf decisamente contrario, Legambiente invece guarda con favore

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    25 visualizzazioni
    Genova (TMNews) - Associazioni ambientaliste divise sulla decisione della Regione Liguria di dare in gestione i boschi demaniali ai privati, in particolare a cooperative sociali o imprese agricole e forestali, attraverso un bando. L'assessore regionale all'Agricoltura Giovanni Barbagallo spiega le finalità del progetto."Vorremmo affidare la gestione di questi boschi - ci ha spiegato - a cooperative o a imprese private, al fine di aumentare l'occupazione del settore e gestire il bosco per prevenire anche danni dovuti all'incuria".L'iniziativa però non piace al WWF, e per il presidente regionale ligure Guglielmo Jansen si tratta di un attacco senza precedenti ai parchi. "Attualmente sono gestiti - ci ha detto - dagli enti parco, perché una cosa che non si dice è che queste foreste di alto pregio sono completamente inserite nei parchi naturali o in aree protette. Si tratta di foreste di alto pregio".Il progetto è stato invece accolto con favore da Legambiente, come spiega il presidente della sezione regionale Santo Grammatico. "Noi pensiamo - ci ha spiegato - ch affidare a imprese agricoli e cooperative sociali, che si configurano per la cura del territorio possa essere una soluzione per la manutenzione dei nostri boschi".