New Orleans, i detenuti liberi di circolare con armi e droga. Mancano fondi per riprendere in mano le carceri

askanews

per askanews

885
105 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
New Orleans (TMNews) - Un detenuto con una pistola in una cella affollata di carcerati. Un altro che si inietta eroina. Il tutto in un video girato con un telefono cellulare che ha aggirato tutti i controlli di un penitenziario dove i carcerati sono liberi di circolare a proprio piacimento. L'incredibile testimonianza è stata presentata in una Corte federale statunitense in un procedimento per trovare i fondi necessari a porre un freno al caos.Si tratta di immagini vecchie di qualche anno registrate nel carcere ora chiuso di Orleans Parish, contea di New Orleans, in Louisiana. Secondo le organizzazioni assistenziali che si occupano dei detenuti il caso non è isolato. Insieme a diversi ex detenuti, queste organizzazioni hanno portato in tribunale lo sceriffo Marlin Guzman, responsabile degli istituti penitenziari della zona.Per quanto scioccanti siano le immagini, i dettagli della denuncia sono ancora più destabilizzanti: pazienti psichiatrici cui sono state negate cure appropriate, detenuti picchiati dai secondini e violentati da altri compagni di pena e guardie che istigavano risse feroci.Nel dicembre scorso era stato raggiunto un accordo per riprendere in mano la situazione. Ma cambiare costa e New Orleans non ha fondi a disposizione. Stanziati 200 milioni di dollari per costruire nuove prigioni, il sindaco Mitch Landrieu ha dichiarato di essere restio a nuovi investimenti in un settore dove dominano sprechi e frodi.Il dramma si riassume nella parole di un padre che ha visto il figlio di 32 anni suicidarsi in carcere due anni fa."Ascoltando le testimonianze e guardando i video del carcere non faccio molta fatica a immaginare le condizioni di vita delle persone costrette a vivere in quelle condizioni".

0 commenti