Torino, 500 sindaci in Regione contro tagli trasporto pubblico. Istituito tavolo con province, Fassino: servono più risorse

askanews

per askanews

847
16 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano, (TMNews) - Cinquecento sindaci del Piemonte a Torino per dire no al taglio annunciato del 30% al trasporto pubblico locale nel 2013. Sono arrivati in piazza Castello a bordo di 22 pullman, dove una delegazione guidata da Piero Fassino, in qualità di presidente dell'Anci Piemonte e da Antonio Saitta, presidente dell'Upi, è stata ricevuta dal presidente della Regione Roberto Cota: i tagli, che si sommano a quelli di 2011 e 2012, per i sindaci sono insostenibili. "Noi abbiamo detto che l'erogazione di 485 milioni per il sistema dei trasporti in Piemonte è insufficiente visto che l'anno scorso se ne sono spesi più di 600". Le risorse, spiega Cota, arrivano dal fondo unico del governo per il trasporto pubblico locale. "Noi sosteniamo che sia insufficiente e debba essere aumentato, fa parte delle richieste politiche che formuliamo". Alla manifestazione anche il sindaco di Sant'Antonino di Susa Antonio Ferrentino. "Pensare di intervenire ancora sul trasporto pubblico vuol dire cancellare il servizio. Questo diventa incredibile da far capire quando su altri tavoli si mettono in campo risorse per realizzare interventi infrastrutturali". Nell'incontro si è decisa l'attivazione di un tavolo con i rappresentanti delle province e dell'area metropolitana torinese per decidere come garantire al sistema dei trasporti i finanziamenti necessari.

0 commenti