Teatro Villa di San Clemente apre il sipario con spettacoli, concerti, laboratori e incontri

altarimini
11
13 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Nella Provincia di Rimini si apre un nuovo sipario: il Teatro Villa di San Clemente. La casa di Città Teatro, così recita il sottotitolo, perché questo spazio prende vita e si apre al pubblico in veste completamente rinnovata, sotto la cura della nuova cooperativa riccionese, aggiudicatrice del bando di assegnazione indetto dall'amministrazione comunale di San Clemente. Con attenzione alle peculiarità dello spazio e all'identità culturale del territorio, Città Teatro ha messo a punto una programmazione che si rivolge ad un pubblico ampio. Teatro, musica, lezioni di cinema, laboratori e incontri costruiranno una rete di appuntamenti per dare una forma chiara a questo nuovo palcoscenico e costruire una sua riconoscibilità nel territorio. Perché il Teatro Villa sia la casa di Città Teatro e dei sanclementesi, nel cuore della Valconca. Forza di questo spazio è la ricca compagine che costituisce il nucleo di Città Teatro, cooperativa teatrale nata nel 2012 dall'unione di realtà artistiche presenti e attive nel territorio della provincia di Rimini. Fondata dai membri de La Compagnia del Serraglio, la Compagnia dei Ciarlatani e Maan ricerca e spettacolo, vedrà le energie artistiche dei suoi soci convergere per la crescita di questo spazio, con la direzione artistica e organizzativa di Francesca Airaudo e Francesco Tonti, la cura di un piccolo punto di ristorazione, con prodotti locali selezionati, di Alex Gabellini, la collaborazione di Mirco Gennari, Alessia Canducci, Marco Mussoni, Giorgia Penzo e Nadia Magnani Vivaldi. Un nucleo coeso per nutrire questo nuovo spazio ed offrire al Comune di San Clemente un teatro nel quale riconoscersi e col quale confrontarsi. In questi primi mesi di programmazione il teatro verrà abitato da spettacoli di teatro d'autore e di elegante comicità, con compagnie mai ospitate prima nel territorio, come il Teatro delle Temperie e il Teatro dell'Argine, insieme alla Commedia dell'Arte di Maan e all'improvvisazione teatrale dei QFC; da incontri sul cinema comico internazionale con un irriverente ciclo dal titolo "Così ridevano" nel quale gli attori di Città Teatro converseranno con ospiti speciali sui grandi maestri quali Jacques Tatì, i Monty Pyton e Carlo Vanzina; da concerti intimi e acustici, con il folk minimale dei Comaneci e la scoperta dell'universo di Ivan Graziani nella delicata interpretazione di suo figlio Filippo; da La Butega, un ciclo di incontri sul dialetto romagnolo come lingua di scena, aperto ad attori e appassionati, curato da Francesca Airaudo e Giorgia Penzo; dalle mostre di Elvis Spadoni e Stefano Zamagni; e infine da Teatro per passione, da una sezione dedicata ai non professionisti e agli allievi, che porteranno in scena opere frutto di laboratori. Punto di partenza: venerdì 22 febbraio, una grande festa di inaugurazione con musica, installazioni video e interventi teatrali. Un brindisi in grande stile che sarà connotato di interventi a sorpresa a cura degli attori di Città Teatro, un dj set curato da Black Dahlia e i video di Massimo MaCio Tonti. Un'apertura che rompe gli argini con le usuali inaugurazioni delle stagioni teatrali perché tutti si sentano partecipi di questo evento, perché tutti si sentano a casa. Il progetto è realizzato con il contributo di Comune di San Clemente, Provincia di Rimini, Regione Emilia Romagna, e il sostegno di Banca di Rimini.

0 commenti