Advertising Console

    San Francesco d'Assisi. Il Cantico delle Creature WWW.GOODNEWS.WS

    Riposta
    561 visualizzazioni
    http://goodnews.ws/

    Raffigurazione di San Francesco d'Assisi in un affresco di Cimabue nella basilica di Assisi; si ritiene che sia l'immagine più fedele del santo. - San Francesco d'Assisi, nato Francesco Giovanni di Pietro Bernardone (Assisi, 26 settembre 1182 – Assisi, 3 ottobre 1226), è stato un religioso italiano. Fondatore dell'ordine che da lui poi prese il nome, è venerato come santo dallaChiesa cattolica. Il 4 ottobre ne viene celebrata la memoria liturgica in tutta la Chiesa cattolica (festa in Italia; solennità per la Famiglia francescana). È stato proclamato, assieme a Santa Caterina da Siena, patrono principale d'Italia il 18 giugno 1939 da papa Pio XII. Conosciuto anche come "il poverello d'Assisi", la sua tomba è meta di pellegrinaggio per decine di migliaia di devoti ogni anno. La città di Assisi, a motivo del suo illustre cittadino, è assurta a simbolo di pace, soprattutto dopo aver ospitato i tre grandi incontri tra gli esponenti delle maggiori religioni del mondo, promossi da Giovanni Paolo II nel 1986 e nel 2002, e da Benedetto XVInel 2011. Oggi, S. Francesco d'Assisi è uno dei santi più popolari e venerati del mondo.Oltre all'opera spirituale, Francesco, grazie al Cantico delle creature, è riconosciuto come uno degli iniziatori della tradizione letteraria italiana.Il cardinale Bergoglio, eletto papa la sera del 13 marzo 2013, assume il nome di Francesco in onore del santo. - Il Cantico delle Creature (Canticus o Laudes Creaturarum), anche noto come Cantico di Frate Sole, è il testo poetico più antico della letteratura italiana che si conosca. Ne è autore Francesco d'Assisi e, secondo una tradizione, la sua stesura risalirebbe a due anni prima della morte del Santo, avvenuta nel 1226. È comunque più probabile che, come riportano le biografie di Francesco, la composizione sia stata scritta in tre momenti diversi. Il Cantico è una lode a Dio che si snoda con intensità e vigore attraverso le sue opere, divenendo così anche un inno alla vita; è una preghiera permeata da una visione positiva della natura, poiché nel creato è riflessa l'immagine del Creatore: da ciò deriva il senso di fratellanza fra l'uomo e tutto il creato, che molto si distanzia dal contemptus mundi, dal distacco e disprezzo per il mondo terreno, segnato dal peccato e dalla sofferenza, tipico di altre tendenze religiose medioevali (p.es. Jacopone da Todi). La creazione diventa così un grandioso mezzo di lode al Creatore.

    Altissimo, onnipotente, buon Signore
    tue sono le lodi, la gloria e l'onore
    ed ogni benedizione.
    A te solo, Altissimo, si confanno,
    e nessun uomo è degno di te.

    Laudato sii, o mio Signore,
    per tutte le creature,
    specialmente per messer Frate Sole,
    il quale porta il giorno che ci illumina
    ed esso è bello e raggiante con grande splendore:
    di te, Altissimo, porta significazione.

    Laudato sii, o mio Signore,
    per sora Luna e le Stelle:
    in cielo le hai formate
    limpide, belle e preziose.

    Laudato sii, o mio Signore, per frate Vento e
    per l'Aria, le Nuvole, il Cielo sereno ed ogni tempo
    per il quale alle tue creature dai sostentamento.

    Laudato sii, o mio Signore, per sora Acqua,
    la quale è molto utile, umile, preziosa e casta.

    Laudato sii, o mio Signore, per frate Fuoco,
    con il quale ci illumini la notte:
    ed esso è robusto, bello, forte e giocondo.

    Laudato sii, o mio Signore, per nostra Madre Terra,
    la quale ci sostenta e governa e
    produce diversi frutti con coloriti fiori ed erba.

    Laudato sii, o mio Signore,
    per quelli che perdonano per amor tuo
    e sopportano malattia e sofferenza.
    Beati quelli che le sopporteranno in pace
    perchè da te saranno incoronati.

    Laudato sii, o mio Signore,
    per nostra sora Morte corporale,
    dalla quale nessun uomo vivente può scampare.
    Guai a quelli che morranno nel peccato mortale.
    Beati quelli che si troveranno nella tua volontà
    poichè loro la morte non farà alcun male.

    Laudate e benedite il Signore e ringraziatelo
    e servitelo con grande umiltate.

    San Francesco d'Assisi. Il Cantico delle Creature WWW.GOODNEWS.WS
    http://goodnews.ws/