Berlino, l'aeroporto fantasma: oltre 20mila difetti costruttivi. Doveva essere inaugurato nel 2011 ma ad oggi è ancora fermo

askanews

per askanews

854
46 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Berlino (TMNews) - Altro che autorizzati all'atterraggio, il nuovo super aeroporto internazionale di Berlino non è nemmeno riuscito ancora a decollare. Come dire che lungaggini burocratiche e lavori infiniti non sono appannaggio solo del nostro Paese ma accadono anche nella super-efficiente Germania, che in Europa guarda un po' tutti dall'alto in basso.L'inaugurazione del "Willy Brandt International Airport" era inizialmente fissata per il 2011, poi rinviata al giugno 2012 ma annullata a pochi giorni dall'evento. Adesso, nel 2013, le autorità locali dicono di non poter prevedere una data certa in cui verrà effettivamente aperto il nuovo scalo che è, a tutti gli effetti, un aeroporto fantasma."La situazione non è così drammatica - si schermisce il sindaco Klaus Wowereit - e non è vero che tutti ridono di Berlino. Anzi, noi siamo orgogliosi del fatto che tutto il mondo guarda con attesa alla nostra città".Un'attesa infinita verrebbe da dire. I tecnici hanno riscontrato oltre 20mila difetti di costruzione, dai pavimenti rotti a un grave problema nel sistema automatico antincendio: tutti elementi che rendono l'aeroporto inutilizzabile."Ci sono cose più importanti dell'aeroporto di Berlino in questo momento - spiega l'economista Olaf Ploetner - tuttavia è comunque molto imbarazzante, perché la gente perde fiducia nelle nostre capacità di avere successo nei grandi progetti".Lo scalo di Berlino, in effetti, non è l'unica grande opera tedesca incompiuta e avvolta dalle polemiche ma sta diventando un simbolo d'inefficienza, senza contare i costi che, secondo le stime, alla fine sfonderanno il budget iniziale di oltre 2 miliardi di dollari.

0 commenti