Usa, parla per 13 ore al Senato per bloccare nomina del capo Cia. La protesta di Rand Paul. Ha mollato solo per andare in bagno

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

927
41 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Washington, (TMNews) - Ha parlato ininterrottamente per quasi 13 ore per impedire la nomina di John Brennan a capo della Cia. Il maratoneta della parola è il senatore americano Rand Paul che nella seduta al Senato per la conferma della nomina del capo dell'intelligence Usa ha trovato un suo modo originale per fare ostruzionismo. Tra pause per uno snack e discorsi fiume sull'uso dei droni Paul ha inscenato la sua protesta sfruttando le procedure parlamentari che non pongono limiti ai tempi d'intervento, purché l'oratore resti in piedi. La candidatura di Brennan fin da subito era risultata controversa. Il suo nome è associato alla pianificazione negli ultimi anni di un uso massiccio di bombardamenti tramite droni nella lotta al terrorismo internazionale. Contro di lui si è creata una un'opposizione trasversale di repubblicani e democratici che chiedono una spiegazione sulle procedure legate alla scelta dei bersagli per gli aerei senza pilota. Portavoce, è proprio il caso di dirlo, di questa protesta il senatore Rand Paul che ha concluso il discorso solo per l'impellenza di raggiungere la toilette. "Potrei andare avanti per altre dodici ore - ha detto Paul - ma ho scoperto che l'ostruzionismo porta con sé diversi inconvenienti. E con uno di questi dovrò fare i conti tra pochi minuti"

0 commenti