Napoli, tornano i rifiuti lungo le strade di città e provincia. Almeno 160, per l'Arpac, le discariche abusive ancora esistenti

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

881
44 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Napoli (TMNews) - Immagini che riportano al 2010, quando Napoli e il suo hinterland erano in piena "emergenza rifiuti", eppure sono state girate nella giornata del 6 marzo 2013. Strade trasformate in vere e proprie discariche: vecchi sanitari, scarti di lavorazioni industriali, copertoni, cartoni e coperte abbandonate usate come ricovero dai randagi della zona.Secondo una stima dell'Arpac, sono oltre 160 i luoghi non bonificati - spesso per la mancanza di fondi - ma comunque censiti a sequestrati e, purtroppo, in molti casi ancora utilizzati come discariche abusive, vicino ai cavalcavia o lungo strade molto trafficate a ridosso del confine con il territorio casertano.E i rifiuti si ammassanno anche nei pressi di via Brin, non lontano dalla Stazione Centrale, nel pieno centro del capoluogo partenopeo, dove tra l'altro zingari e bambini vanno in cerca di qualcosa che possa essere riusato o rivenduto oppure solo trasformato in gioco.In un altro caso, invece, la discarica abusiva è solo a pochi metri da un bar-pizzeria. Una condizione certamente problematica dal punto di vista igienico-sanitario, soprattutto con l'avvicinarsi della Primavera e che, inoltre, genera rischi notevoli di incendi che potrebbero rendere la situazione più drammatica.

0 commenti