Fabiola Guarneri studentessa 5V Istituto Foderà Agrigento

AgrigentoOggi
23
231 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Riflettori accesi sul “femminicidio” .

Con questo termine viene definito il fenomeno di violenza sulle donne che in Italia assume ancora proporzioni preoccupanti.

Sono oltre 112 le donne morte per mano di un uomo dall'inizio dell'anno a oggi.

Per questo è importante tenere alta l’attenzione verso questo fenomeno.

Ad Agrigento l’Assessore l’Assessore per i beni e le attività culturali, le politiche dell’istruzione e le pari opportunità Patrizia Pilato, insieme a “Ciak donna”, all’“Auser” ed all’Associazione Avvocati Matrimonialisti italiani, hanno organizzato, un incontro-dibattito dal titolo “Femminicidio quando l’amore uccide”.

“Non possiamo sottovalutare un fenomeno – ha spiegato la Pilato – che nasce da un problema di parità di genere purtroppo ancora oggi forse poco conosciuto. Questi incontri sono quindi utili - ha aggiunto - a generare conoscenza nei confronti soprattutto dei giovani per meglio comprendere un fenomeno che ancora oggi, in Italia occupa troppo spesso le pagine di cronaca”.

Il convegno è stato articolato in un doppio appuntamento: il primo, rivolto agli studenti, presso l’istituto tecnico “Michele Foderà” di Agrigento e il secondo, aperto a tutta la cittadinanza, presso la Biblioteca comunale “Franco La Rocca”.

A questo secondo momento, oltre all’Assessore Patrizia Pilato, il Presidente di “Ciak Donna” Angela Megna, sono intervenuti il Presidente Auser Salvina Mangione, il Questore Giuseppe Bisogno e il Comandante provinciale dei Carabinieri, colonnello Riccardo Sciuto.

Al convegno hanno relazionato il Presidente dell’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani Donatella Sanzo, la sociologa e mediatrice familiare e Presidente dell’A.N.S. Sicilia Anna Cangemi e la giornalista Daniela Spalanca.

0 commenti