Napoli, due cadaveri carbonizzati trovati in un rogo di rifiuti. Vittime due stranieri, forse si scaldavano con un fuoco

askanews

per askanews

884
38 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Napoli, (TMNews) - Cercavano di scaldarsi con un fuoco dentro la baracca dove vivevano: sarebbe questa la causa accidentale dell'incendio scoppiato in tre baracche a Giugliano, in provincia di Napoli, che ha causato la morte di due persone. A scoprire i due corpi carbonizzati sono stati i vigili del fuoco, intervenuti sul posto per spegnere un rogo di rifiuti: mentre l'operazione di ordinaria amministrazione era quasi terminata hanno scoperto i resti e chiamato i carabinieri, che hanno identificato le vittime come stranieri dell'Europa dell'Est.Nella zona dove è scoppiato il rogo vivono diversi stranieri senza casa, in baracche realizzate con lamiere e altro materiale di risulta: l'incendio partito da un fuoco è l'ipotesi più probabile secondo gli inquirenti, ma è anche possibile che le fiamme siano partite dai rifiuti accumulati e incendiati. Nella zona dove è avvenuto il fatto, in periferia e quasi al confine con Aversa, vengono sversati rifiuti di ogni genere spesso dati alle fiamme.

0 commenti