Roma - Operazione "Topi di Bottega" 5 arresti (19.02.13)

Pupia
621
34 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
http://www.pupia.tv - Roma - Una banda di ladri che imperversava nel centro della Capitale, rubando, di notte, in bar e ristoranti, è stata sgominata dai Carabinieri della Stazione Roma Piazza Farnese. Cinque gli arrestati, tra cui tre macedoni, un kosovaro ed un cittadino della Bosnia-Erzegovina, accusati di associazione per delinquere finalizzata al furto, a cui i Carabinieri hanno notificato un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Roma, Dott.ssa Paola Della Monica, che ha accolto la richiesta del PM, Dott. Paolo D'Ovidio.

L'attività investigativa, denominata convenzionalmente "Topi di Bottega", condotta dalla Stazione Carabinieri di Roma Piazza Farnese, ha consentito di procedere all'identificazione degli stranieri e di attribuire a questi gravi indizi di responsabilità in ordine a numerosi furti, consumati tra agosto e dicembre 2011, nel centro storico di Roma, in danno di diversi esercizi commerciali:

· furto commesso in data 28.08.2011 in danno del bar "LA TORRE ARGENTINA", ubicato in via di Torre Argentina civ. 92, somma asportata Euro 3.200;

· tentato furto commesso in data 09.09.2011 in danno del locale "NEW CAFFE'", sito in via della Stamperia civ. 72;

· il furto perpetrato il 29.09.2011 all'interno del ristorante "IL PANZIRONE", ubicato a Piazza Navona, somma asportata Euro 5.880;

· i furti perpetrati in data 23.08.2011 - 27.09.2011 - 29.09.2011 all'interno del ristorante "I TRE SCALINI", ubicato a Piazza Navona civ. 28 per un totale di circa Euro 15.000;

· il furto consumato in data 12.11.2011 all'interno del ristorante "CASAMIA" ubicato in via della Stamperia civ. 76, somma asportata Euro 200;

· il furto commesso in data 16.11.2011 all'interno del negozio di alimentari "KIBRIA GOLAM" ubicato in via Dello Statuto civ. 37/c, somma asportata Euro 55;

· il furto commesso in data 18.11.2011 all'interno del locale "BIG BAR", sito in via Conte Verde civ. 24, somma asportata Euro 5.800;

· il furto commesso in data 20.11.2011 all'interno del bar tabacchi " BAR HAIJANG" sito in via Principe Eugenio civ. 112, somma asportata Euro 5.000 ;

· il furto commesso in data 30.11.2011 all'interno del locale "BAR CALO'", sito nella Circonvallazione Gianicolense civ.206, somma asportata Euro 6.000;

· il furto commesso in data 02.12.2011 all'interno del locale "OSTERIA DEL TEMPO PERSO" ubicata in via Dell'Oca civ. 43, somma asportata Euro 20;

· tentato furto commesso in data 02.12.2011 all'interno del locale "LA PENNA DELL'OCA" sito in via Della Penna, civ. 53.

Le predette misure cautelari sono state eseguite al termine di una complessa attività di localizzazione degli indagati che, essendo cittadini extracomunitari irregolarmente soggiornanti nel territorio nazionale, non hanno una stabile dimora.

Gli stessi sono stati rintracciati dai Carabinieri alle prime ore dell'alba nei pressi di un locale in Viale Trastevere, venendo tradotti, al termine delle operazioni di fotosegnalamento, nel carcere di Regina Coeli

ARRESTATO IN ITALIA DAI CARABINIERI IL MAGO DEI VIAGGI TRUFFA ROMENI.

ARDEA (RM) -- I Carabinieri della Tenenza di Ardea hanno arrestato un cittadino romeno di 28 anni, T.V.L., in esecuzione di un mandato di cattura internazionale emesso dalle Autorità romene nel 2012. L'uomo, in Italia ormai da diversi mesi, cambiava continuamente dimora rendendo difficile le ricerche; i Carabinieri di Ardea, sulla scorta di un'attenta attività informativa, lo hanno rintracciato all'interno di un capannone industriale verificandone la sua reale identità attraverso le operazioni di foto-segnalamento. L'uomo è stato condannato a quasi 4 anni di reclusione dall'autorità giudiziaria romena per frode, reato commesso nei mesi di ottobre e novembre del 2010 nella città di Ploiest. In qualità di amministratore di una società che organizzava viaggi, in quel periodo, attraverso un annuncio pubblicato su internet, stipulava con diversi clienti numerosi contratti commerciali riguardanti l'affitto di una villa all'interno di un resort dislocato in una località turistica montana. I clienti, dopo aver pagato il prezzo per il contratto di affitto per il periodo delle vacanze invernali, una volta sul posto verificavano che la villa era stata già affittata ad altre persone. L'uomo, al termine di tutti gli adempimenti, è stato condotto presso la casa Circondariale di Velletri in attesa di tutte le operazioni per la successiva estradizione. mnews.it (19.02.13)

0 commenti