Milano, scoperta una tipografia clandestina di documenti falsi. In manette è finito un uomo di 36 anni d'origine marocchina

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

927
128 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - Aveva allestito un vero e proprio laboratorio clandestino per riprodurre documenti falsi di tutti i tipi. Protagonista un immigrato 36enne d'origine marocchina, regolare ma con piccoli precedenti, arrestato a Milano dai carabinieri del Comando provinciale che, nell'appartamento che aveva preso in affitto, da solo, in via Palmanova, periferia nord della città, hanno rinvenuto una vera e propria tipografia del falso.I militari hanno sequestrato sofisticate apparecchiature informatiche e centinaia di carte di identità in bianco falsificate, carte di circolazione e permessi di soggiorno, oltre a timbri italiani e di diversi Paesi, patenti e certificati assicurativi, anche rubati. Trovate anche decine di fototessere di cittadini nordafricani, probabili destinatari dei documenti falsi che dovevano servire per avviarli al lavoro aggirando le norme sul soggiorno. Le indagini proseguono per accertare l'eventuale esistenza di una rete organizzata di falsari e ricettatori, specializzatinel riciclo di documenti rubati.

0 commenti