Advertising Console

    Aversa (CE) - Festa di San Paolo 2013 (25.01.13)

    Riposta
    Pupia

    per Pupia

    750
    50 visualizzazioni
    http://www.pupia.tv - Aversa (Caserta) - Anche quest'anno, come di consueto, per le strade di Aversa è sfilata la tradizionale processione di San Paolo, quella dedicata al santo co-patrono della città, in presenza del vescovo, Angelo Spinillo.

    Alle spalle della statua del santo patrono di Aversa, come di consueto il sindaco di Aversa, Giuseppe Sagliocco, e gran parte della giunta e dell'Amministrazione comunale. Per Sagliocco, eletto lo scorso maggio, è stata la prima partecipazione, in fascia tricolore, alla processione tanto cara agli aversani. La giornata gelida, ma soleggiata, ha consentito ai tanti fedeli di seguire la "passeggiata" che il Santo d'argento ha fatto tra le vie cittadine.

    Ma in passato la festa del Santo patrono era un po' diversa da quella che si vede oggi. Fino ai primi anni '90 la manifestazione sacra era una delle più attese in città. La città normanna si vestiva a festa. Oggi, così come un tempo, le congreghe procedono il corteo, ognuna indossa il mantello con i colori tipici ed identificativi dell'associazione religiosa. Alla fine, circondato dai parroci delle chiese aversane, sfila il busto di San Paolo, interamente ricoperto da una lastra di argento massiccio. Sfila per il centro storico e fa ritorno nella Cattedrale, sua sede naturale.

    Un tempo, invece, l'uscita di San Paolo, era subordinata alla sfilata di tutti i santi "titolari" di chiese ad Aversa: sfilava San Francesco, San Biagio, Santa Teresa che apriva la processione, San Donato, San Rocco con il suo fedele cane, San Giuseppe, San Vincenzo, San Luigi e così. Chiudevano, appunto, la processione i due santi d'argento, San Paolo e San Sebastiano.
    In città davvero si sentiva l'aria di festa e di profumi a metà tra l'odore dei carciofi arrostiti e l'incenso delle candele. Ad ogni angolo le bancarelle con i dolciumi ed i giocattoli ed i venditori di palloncini, e tanta, davvero tanta gente in strada. A casa gli aversani trovavano la lasagna di San Paolo al ragù e le polpette (meglio note come le 'palle di San Paolo'), simbolo pagano di una festa di cui in parte si è perduto il gusto e la tradizione. (25.01.13)