Kenya, un software per garantire elezioni libere e pacifiche. Ushaidi, diffuso in 150 Paesi, monitora la corruzione

5 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Kenya, (TMNews) - In lingua swahili significa testimonianza: Ushahidi è il software lanciato nel 2008 in Kenya dopo le violenze seguite alle elezioni e che si candida a svolgere un ruolo chiave nelle consultazioni elettorali di marzo 2013. "Lo scopo della piattaforma è aiutare il Paese ad avere elezioni libere, leali e credibili. La nostra strategia è coinvolgere i cittadini nel processo elettorale, andremo oltre l'osservazione per insegnare loro a proteggere il voto" spiega il co-fondatore Daudi Were. Diffuso in oltre 150 Paesi del mondo, Ushahidi permette di scrivere, mandare per email o via Twitter informazioni su dove ci si trova o si va: obiettivo creare mappe in tempo reale perchè gli utenti capiscano cosa succede in quel momento e dove. Il sito è stato sfruttato ad Haiti dopo il terremoto del 2010 per capire dove indirizzare gli aiuti, e in Indonesia per mappare le alluvioni."Ci sono oltre 38mila mappe in diversi Paesi, alcune monitorano le are di crisi, altre le elezioni, mentre un trendi di crescita è quello della corruzione" spiega il direttore esecutivo. In Kenya Ushaidi ha smascherato un politico che spingeva a non votare per la nuova Costituzione nel 2010: rispetto ad allora milioni di persone in più hanno uno smartphone, che si rivela uno strumento indispensabile per garantire elezioni pacifiche.(immagini Afp)

0 commenti