Advertising Console

    Mafia, sequestrati beni a sorella e cognato Matteo Messina Denaro. L'operazione della Dia di Palermo e Trapani a Castelvetrano

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    176 visualizzazioni
    Trapani, (TMNews) - La sorella e il cognato del boss latitante Matteo Messina Denaro nel mirino degli inquirenti. Le Direzioni Investigative Antimafia di Palermo e Trapani hanno sequestrato loro beni del valore di centinaia di migliaia di euro. L'operazione ha riguardato la zona di Castelvetrano, città natale del boss ritenuto il capo dei capi di Cosa Nostra, latitante ormai da 20 anni.Fra i beni sequestrati ci sono auto, conti bancari, fabbricati e ditte fra cui quella di pulizia intestata al cognato Vincenzo Panicola, ritenuto il postino che si occuopava di far arrivare i pizzini a Denaro e attualmente in carcere perché considerato nell'organico del mandamento mafioso di Castelvetrano. La Vieffegi Service Srl operava nel centrocommerciale "Belicittà", di proprietà Giuseppe Grigoli, per gli inquirenti prestanome di Messina Denaro, al quale erano già stati sequestrati beni per 700 milioni di euro.