Advertising Console

    Castel Morrone (CE) - Sequestrato capannone adibito a discarica (22.01.13)

    Riposta
    Pupia

    per Pupia

    758
    81 visualizzazioni
    http://www.pupia.tv - Castel Morrone (Caserta). La Compagnia della Guardia di Finanza di Caserta, nell'ambito delle attività finalizzate alla prevenzione e repressione dei reati ambientali, ha sottoposto a sequestrato, nelle aperte campagne del Comune di Castel Morrone, un fabbricato rurale e un deposito totalmente adibiti a discarica abusiva.

    In particolare, nel corso dei servizi pianificati di controllo del territorio, le Fiamme Gialle hanno individuato, nei pressi del palazzetto dello sport denominato "Palamaggiò", un immobile in stato di completo degrado con annesso un capannone interamente ricoperto con lastre di ethernit gravemente deteriorate, in grado di produrre scorie di amianto altamente nocive per la salute. Per lo stato di fatto in cui si trovano oggi, le lastre di amianto, sfarinandosi nell'ambiente, arrecano grave pregiudizio alle culture circostanti e, quindi, costituiscono un serio pericolo per la salute dell'uomo.

    I Finanzieri sono rimasti sorpresi quando hanno ispezionato l'interno degli immobili, dove hanno rinvenuto una vera e propria discarica di rifiuti, anche pericolosi, composti principalmente da enormi cataste di pneumatici, mobili usati e addirittura autovetture rottamate.

    I rifiuti venivano illecitamente sversati probabilmente allo scopo di evitare gli onerosi costi richiesti per il regolare smaltimento degli stessi nelle discariche autorizzate.

    Per evitare l'ulteriore rischio di inquinamento dell'ambiente, nonché del suolo e delle falde acquifere sottostanti, i finanzieri hanno quindi proceduto al sequestro dell'area, al fine di consentirne la successiva bonifica.

    Il proprietario dell'immobile, un casertano di circa 60 anni, è stato deferito alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, per violazione delle leggi in materia ambientale.

    Sono in corso ulteriori accertamenti per identificare altri eventuali responsabili e stabilire la provenienza dei prodotti illegalmente sversati. (22.01.13)