Advertising Console

    Ragusa - Sequestrati Baia Samuele e Marsa Siclà (19.01.13)

    Riposta
    Pupia

    per Pupia

    742
    82 visualizzazioni
    http://www.pupia.tv - Ragusa - Due funzionari del settore manutenzione ed ecologia del comune di Scicli (Rg) indagati e due villaggi turistici "Baia Samuele" e "Marsa Siclà" sequestrati. E' il risultato delle indagini della procura di Modica che ha scoperto liquami fognari e rifiuti nel mare reso celebre dalla serie Tv del commissario Montalbano a Scicli nel ragusano. Acque sporche e degrado ambientale nella spiagge di Marina di Modica e di Sampieri - dicono gli investigatori - hanno provocato le ispezioni dei carabinieri e della capitaneria di porto che hanno scoperto in mare chiazze di liquame e feci, soprattutto nei week end quando i due villaggi sono più popolati. Nei due alberghi vi sono carenze strutturali e gli scarichi non rispetterebbero le norme ambientali. I carabinieri di Modica avrebbero anche scoperto un traffico illecito di rifiuti inviando il rapporto investigativo alla procura antimafia di Catania. I due indagati sono accusati di rifiuto di atti d'ufficio in concorso perché non avrebbero vigilato e monitorato sul rispetto delle norme di scarico dei rifiuti evitando controlli. I due indagati, tra l'altro, non avrebbero inviato le cartelle esattoriali per il pagamento dei tributi per lo scarico nelle fogne alla società "Marsa Siclà". (ANSA)

    Il sequestro dei due villaggi è stato ordinato dal gip di Catania, e coordinato dalla dda catanese, che ha anche sequestrato i mezzi nella disponibilità della ditta di trasporto rifiuti "Buscema Giovanni Carmelo Servizi Ambientali" di Modica. La ditta "Buscema G.C." era utilizzata per lo svuotamento delle fosse settiche che, secondo gli investigatori, a causa del sottodimensionamento dell'impianto, spesso traboccavano spargendo liquami nelle campagne circostanti. Giunti nelle strutture di depurazione, i reflui fognari, senza le previste autorizzazioni, venivano stoccati e smaltiti illecitamente. Il provvedimento - dicono i carabinieri - colpisce strutture turistiche tra le più grandi in Italia per estensione e valore, stimato attorno ai 30 milioni di euro complessivi e con un volume d'affari tra i più importanti nel settore. ANSA (19.01.13)