Advertising Console

    Rapina violenta a San Giuliano, arrestato grazie alle impronte sulla zanzariera

    Riposta
    altarimini

    per altarimini

    12
    42 visualizzazioni
    Incastrato da un'impronta digitale lasciata sulla zanzariera della finestra che aveva forzato per entrare in casa di una 79enne e rapinarla. Attraverso questa traccia i carabinieri della Compagnia di Rimini sono risaliti al presunto responsabile, Ioan Balasca, romeno di 20 anni, e ieri gli hanno notificato l'ordinanza di custodia cautelare nel carcere di Civitavecchia dove il giovane si trova rinchiuso per reati contro il patrimonio commessi a Roma pochi giorni dopo la rapina di Rimini. I fatti risalgono alla scorsa estate. La notte del 16 luglio, forzando una porta-finestra, lo straniero si era introdotto in casa dell'anziana, residente al piano terra di un appartamento nel quartiere San Giuliano, e l'aveva colpita al viso con due pugni procurandole la frattura del setto nasale. Poi le aveva strappato una collanina d'oro dal collo e aveva rubato una borsa con 50 euro e le chiavi di casa. Nei rilievi effettuati dai carabinieri sono state trovate quattro impronte, due parziali e due complete: dalla banca data dei Ris di Parma è emerso che corrispondevano a Balasca. Ulteriore conferma che il giovane si trovasse a Rimini quella sera è stata data dalla cella agganciata dal suo telefono cellulare (depositato nell'ufficio matricola di Regina Coeli) a un ripetitore a pochi passi da casa della 79enne.