India, le donne ancora in piazza per dire no agli stupri. Manifestazione a New Delhi dopo la morte della studentessa

22 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
New Delhi (TMNews) - L'ondata di indignazione in India non si ferma e a New Delhi le donne sono scese di nuovo in piazza per dire no alle violenze sessuali, a pochi giorni dalla morte della studentessa 23enne vittima di un violentissimo stupro di gruppo su un autobus della capitale. Cinque uomini, e anche questo sembra essere un segnale del fatto che qualcosa in India sta cambiando su questo fronte, stanno per essere messi sotto accusa e gli avvocati del tribunale competente hanno fatto sapere di non volere difendere gli stupratori assassini. La realtà indiana, comunque, resta per ora desolante, con i dati ufficiali che parlano di uno stupro ogni 14 ore, a cui vanno aggiunte le costanti violenze e intimidazioni di carattere sessuale che le donne subiscono quotidianamente in tutto il Paese. Il clamore e le proteste internazionali suscitate dal caso della studentessa morta potrebbero però favorire una svolta nel senso dei diritti delle donne indiane. Che continuano a rivendicarli con coraggio anche nelle strade di New Delhi.(Immagini Afp)

0 commenti