Advertising Console

    Album 2012 - Scandali, Nobel e Congresso: Cina, l'anno difficile. Partito scosso da grandi cambiamenti e da caso Bo Xilai

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,2K
    25 visualizzazioni
    Milano, (TMNews) - Lo scandalo del secolo, alluvioni, un Nobel e una svolta storica ai vertici del potere. Per la Cina il 2012 è stato un anno denso di eventi a partire dall'avvenimento politico più importante, il 18° Congresso nazionale del Partito Comunista. All'interno del Palazzo del Popolo oltre 2000 delegati si sono riuniti per rinnovare i vertici del partito e sancire l'addio di Hu Jintao che ha lasciato il posto di segretario generale del partito a Xi Jinping. Ma il 2012 è stato anche un anno difficile per la politica cinese, scossa da uno dei più grandi scandali di sempre. L'astro nascente del partito Comunista Bo Xilai è stato espulso dopo essere rimasto coinvolto in un'intricata vicenda partita dalle accuse del suo braccio destro e finita con una condanna per sua moglie, accusata di aver ucciso un imprenditore britannico, e con pesanti accuse di corruzione, abuso di potere e reati sessuali contro lo stesso Bo Xilai. Il 2012 è stato un anno scandito anche dalle manifestazioni anti giapponesi, per il riacuirsi delle tensioni riguardo alle isole Senkaku nel Mar della Cina Orientale. Un arcipelago disabitato ma ricco di pescea petrolio conteso fra Pechino e Tokyo.L'estate è stata segnata dalla tragedia delle alluvioni che hanno provocato danni e morti in tutto il Paese. Piogge così intense non si vedevano da 60 anni.Ma il 2012 è stato anche un anno di soddisfazioni. La Cina ha festeggiato la prima donna inviata nello spazio, la 33enne Liu Yang, e il premio Nobel per la letteratura, assegnato al cinese Mo Yan. (Immagini Afp)