Advertising Console

    Sophia Loren inaugura il Film Festival di San Marino dedicato a Guerra

    Riposta
    altarimini

    per altarimini

    12
    187 visualizzazioni
    Secondo un celebre aforisma del regista Sergio Leone "Il cinema è mito". Sophia Loren è un mito: la più bella, la più vera. Un icona di stile eleganza ed umiltà: con queste motivazioni l'attrice Sofia Villani Scicolone, in arte Sohpia Loren, ha ricevuto l'oscar al Film Festival di San Marino. Madrina d'eccezione del nuovo Palazzo del Cinema e della kermesse, ieri sera, ha tagliato il nastro della rassegna cinematografica internazionale. L'attrice italiana sul Titano a Palazzo pubblico è stata inoltre insignita dell'onorificenza di Cavaliere grand'ufficiale dell'Ordine equestre di Sant'Agata, come 'prestigiosa amica della Repubblica'.
    "E'stato molto bello. E'stata una cosa meravigliosa per me poi avere questa onorificenza è stata una cosa inaspettata." -- ha sottolineato la Loren -- "Spero di meritarla."
    Una star, una donna dall'altri tempi, l'emozionatissima Sophia Loren. Dopo aver rivissuto con una trailer tutti i suoi più grandi successi, non è riuscita a trattenere le lacrime durante il suo discorso. Forti emozioni anche nel momento in cui ha ricordato la sua amica e soprano Renata Tebaldi,
    "Non credo che veniamo bombardati dai film. Perché di film c'è ne sono molto pochi. Il cinema sarà sempre qualcosa di magico." -- continua l'attrice - "Entrare in una sala e vedere queste immagini meravigliose, se il film è bello, sullo schermo è sempre una cosa magica e rimarrà sempre una cosa magica fortunatamente per noi attori."
    Omaggio speciale poi a Tonino Guerra a cui il primo festival del Titano è dedicato. Ieri sera, in sala, presente anche il figlio Andrea, emozionato e felice al cospetto di Sophia Loren. L'attrice, prima di andare via, ha anche chiesto informazioni ad Andrea sulla sua famiglia chiedendo se sua madre vivesse ancora a Santarcangelo. La serata si è poi conclusa con l'omaggio al Maestro e la proiezione di "Matrimonio all'italiana" la cui sceneggiatura era proprio del poeta romagnolo.
    "C'è un amicizia assolutamente fra mio padre e Valducci. Un amicizia datata 20 anni." - sottolinea Andrea Guerra - "Loro non hanno fatto solo questo hanno iniziato a fare anche con una collaborazione per oggetti e sculture nella valle che continuerà. Il dottor Valducci ha pensato di dedicare questo Festival a mio padre e per me è stato un piacere. Il Festival ospiterà anche una delegazione di artisti russi che si occupano di animazione. Artisti che sono a Pennabilli per un contemporaneo piccolo festival dei cartoni animati che si chiama: 'Crock Festival'. Quindi c'è anche una collaborazione con l'Associazione Culturale Tonino Guerra. Una collaborazione bella e divertente. Noi siamo motlo grati a Valducci di questo Festival".
    Dopo il taglio del nastro parte oggi, al nuovo Palazzo del cinema accanto al Palace hotel del Titano, la prima giornata della kermesse. Il Film Festival che, proietterà oltre settanta film tra lungometraggi e cortometraggi e la presenza di attori, registi italiani e non, chiuderà i battenti il prossimo 15 dicembre.