Fine del mondo, Catania celebra la vita con il "Rito della luce". Il solstizio d'Inverno salutato da studenti, ballerini e attori

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

912
65 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Catania (TMNews) - Luce, musica e danze per celebrare la vita e scongiurare le tesi catastrofiste che legavano al compimento del cosiddetto ciclo del "Lungo computo" del calendario Maya addirittura la fine del mondo. Al Librino, quartiere periferico di Catania, la Fondazione Fiumara d'Arte ha coinvolto migliaia di studenti, attori, musicisti e poeti per il compiere, in occasione del solstizio d'Inverno, il "Rito della Luce" come racconta il fondatore, Antonio Presti."Tremila studenti - spiega - da più di quattro mesi studiano all'interno del mondo della scuola, in nome della poesia, per restituire stasera il mondo della bellezza con l'ascolto" Mandala di riso, farina, sale e candele accoglievano i visitatori nelle stanze come porte spirituali sull'Universo, per mettere in contatto l'uomo con una forma di conoscenza libera da beni materiali, contrapponendo attraverso la luce, il risveglio dell'anima e dello spirito, affinché più che una fine fosse celebrato un nuovo inizio.Le voci del protagonisti: "La fine del mondo è sicuramente l'inizio di qualcos'altro, quindi se è previsto l'inizio di qualcosa allora ben venga la fine del mondo""Speriamo che sia la fine di un ciclo, magari la fine di un ciclo negativo e quindi tante cose meravigliose possano venire""La fine del mondo per me è sicuramente la O"

0 commenti