Advertising Console

    Ruoppolo Teleacras - Immigrati e Baglioni a Lampedusa

    Riposta
    Bestiacane

    per Bestiacane

    1,8K
    81 visualizzazioni
    Il servizio di Angelo Ruoppolo Teleacras Agrigento ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538?ref=search ) del 27 settembre 2008. Centinaia di clandestini sbarcano a Lampedusa durante il concerto di Claudio Baglioni. L'intervento del cantante. Ed Angela Maraventano invita sull'isola Gheddafi (per il video seleziona Alta qualità in basso a destra dello schermo).
    Ecco il testo:
    Pensate che a Lampedusa è in concerto Claudio Baglioni. E pensate che canta "Strada facendo". Poi pensate che mentre canta "Strada facendo" sbarcano dal mare centinaia di migranti clandestini, che di strada ne hanno fatta davvero tanta. Adesso penserete che è una sciocchezza, invece è vero perche è successo davvero ieri a tarda sera, a Lampedusa. 233 extracomunitari, tra cui 28 donne ed un bambino, hanno poggiato il piede a terra durante il concerto di Claudio Baglioni, e tanti hanno pensato che si trattasse di una trovata cinematografica, una scenografia. E invece no. Spettacolo, show, sì, ma Reality show. Tutto reale quanto surreale. I 233 sono stati soccorsi da una nave della Marina militare. Poi sono stati trasbordati dalla Guardia costiera. E Claudio Baglioni ha colto l'occasione per rilanciare l'appello dell'Osservatore Romano, il giornale del Vaticano, contro le politiche del Governo in materia di immigrazione clandestina. Ecco le parole del cantautore di Porta Portese : "piuttosto che stare attenti allo straniero dovremmo iniziare ad essere attenti all'altro. Dopo il buonismo non credo che il cattivismo risolverà nulla. Così come i provvedimenti provocati da paura, allarme ed emergenza". Nel frattempo, la senatrice della Lega Nord e vicesindaco di Lampedusa, Angela Maraventano, ha spedito un telegramma all' Ambasciata di Libia a Roma. La Pasionaria, già protagonista di uno sciopero della fame lo scorso 3 agosto, chiede a Gheddafi di visitare Lampedusa per rendersi conto personalmente dei danni provocati all'isola dagli incessanti flussi di migranti clandestini, che lo stesso colonnello Gheddafi, nonostante gli accordi internazionali ed i milioni di euro pagati dall'Italia, non ha ancora frenato.