Advertising Console

    Ruoppolo Teleacras - Aspirante rapinatore in manette

    Riposta
    Bestiacane

    per Bestiacane

    1,6K
    79 visualizzazioni
    Il servizio di Angelo Ruoppolo Teleacras Agrigento del 14 novembre 2008. Blitz dei Carabinieri di Caltanissetta. Arrestato un aspirante rapinatore. Sequestrati attrezzi atti allo scasso. Sventata una rapina ad una Banca con la saracinesca già forata (per il video seleziona Alta qualità in basso a destra dello schermo).
    Ecco il testo:
    Lui è Sergio Ingrassia. Ha 35 anni. E se ha pensato che altri pensassero di non accorgersi di lui ha pensato male perchè se ne sono accorti tutti. E non solo i Carabinieri di Caltanissetta e di Enna ma anche tanti cittadini che lo hanno adocchiato più volte ed hanno pensato tanti perchè e come mai. Sì perchè lui, Ingrassia, originario di Partinico, in provincia di Palermo, e domiciliato a Pietraperzia, in provincia di Enna, ha girato in lungo ed in largo a bordo di una Fiat Brava. Lo hanno notato e segnalato, sempre vicino alle Banche ed agli Uffici postali. Come un' ape che ronza sempre attorno allo stesso miele. Le telefonate al 112 dei Carabinieri. Il sospetto. Le indagini. Il pedinamento. Poi, lui, Sergio Ingrassia, muratore, si è imbattuto nella paletta rossa. E dove ? Davanti al Banco di Sicilia di Pietraperzia. "Prego, si accomodi fuori dallautomobile. Documenti. E poi apra il portabagagli". E così, il sospetto sollevato si è rivelato davvero l'anticamera della verità. Ecco tutto ciò che è saltato fuori dal cofano della Fiat Brava. Tanti arnesi per scassinare, ad esempio un trapano. Poi a casa di Ingrassia è stata scoperta una pistola modificata senza tappo rosso, un passamontagna, e due caschi da motociclista. Poi ancora trapani e martinetti idraulici. Poi, il classico botto finale, che ha letteralmente inchiodato Ingrassia alle mura del carcere. Sì, perchè i Carabinieri hanno scoperto che la saracinesca di uno degli ingressi laterali del Banco di Sicilia di Pietraperzia è stata tagliata con la fiamma ossidrica, ed anche la serratura della porta antipanico è stata forzata. I Carabinieri ipotizzano quindi che Ingrassia, sorpreso innanzi alla Banca, fosse pronto alla rapina, forse insieme ad altri complici.