Calcio e tecnologia, un amore che potrebbe sbocciare in porta. Gol fantasma: sfida tra due progetti sulla linea di porta

askanews

per askanews

871
18 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - Il calcio è, storicamente, un ambiente restio alle innovazioni tecnologiche ma ormai sembra che, almeno per quanto riguarda i sistemi per rilevare i cosiddetti "gol fantasma", l'amore tra il pallone e l'hi-tech possa sbocciare davvero. La Fifa sta infatti testando due diversi sistemi per rilevare se il pallone ha superato la linea di porta. Il primo è GoalRef, di invenzione tedesca, che prevede l'inserimento di sensori nel pallone di gioco."Abbiamo questo pallone speciale - spiega Thomas Pellkofer - che viene riconosciuto dai campi magnetici attivati nella porta. In meno di un secondo è possibile avere la risposta e in 300 millisecondi sull'orologio dell'arbitro appare la sentenza".Il secondo metodo, che sta già venendo testato al Mondiale per club, è il già noto "Occhio di falco", sistema britannico basato sull'uso di sette telecamere. "Noi - sottolinea Steven Carter - crediamo di avere dei vantaggi tecnici, perché non mettiamo nulla nel pallone e nessuno si deve preoccupare che la palla possa essere in qualche modo diversa".Immaginando già le riserve, sempre ribadite, degli arbitri italiani, la Fifa lascia comunque al direttore di gara l'ultima parola: potrà decidere anche poco prima di scendere in campo di non avvalersi del supporto tecnologico. Se dunque la liason tra lo strano mondo del pallone e l'universo hi-tech è ormai conclamata, prima di assistere a un vero e proprio matrimonio ci sarà probabilmente ancora da aspettare.

0 commenti