Advertising Console

    Cina, dopo 75 anni pesa ancora l'ombra dei massacri di Nanchino. Pagina di storia che rovina i rapporti tra Pechino e il Giappone

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    222 visualizzazioni
    Pechino (TMNews) - Xia Shuqin è una dei sopravvissuti al massacro di Nanchino. Aveva 8 anni quando i soldati giapponesi nel dicembre del 1937 hanno stuprato e ucciso sette membri della sua famiglia. Ferita a colpi di baionetta e lasciata per morta, non riesce a dimenticare uno degli episodi più drammatici della storia delle relazioni sino-giapponesi.La Cina accusa Tokyo di avere massacrato non meno di 300mila persone in meno di 6 settimane, cifre contestate dai giapponesi e anche da alcuni dissidenti cinesi che accusano Pechino di strumentalizzare quelle terribili vicende per ravvivare sentimenti anti giapponesi. In vista soprattutto della disputa territoriale a proposito di alcune isole contese che ha già provocato alcune manifestazione xenofobe in CinaA Nanchino un museo testimonia quegli orrori antichi, orrori che restano incisi nella carne e "Come osano sostenere che quei massacri non si sono verificati - ha detto la donna - quando porto ancora le cicatrici delle baionette?".Settantacinque anni dopo, quei ricordi dolorosi e tragici continuano a ossessionare i sopravvissuti. È il peso della Storia e delle storie che avvelenano ancora le relazioni tra due colossi dell'economia asiatica.(Immagini Afp)