Ruoppolo Teleacras - ConfIndustria contro la Burocrazia

Bestiacane
487
3 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
ll servizio di Angelo Ruoppolo Teleacras Agrigento del 4 settembre 2008. ConfIndustria Sicilia apprezza il commissariamento dei Comuni inadempienti perche' non sbloccano i pagamenti a favore delle imprese. L'intervento di Giuseppe Catanzaro. (Per il video seleziona Alta qualità in basso a destra dello schermo)
Ecco il testo:
.........Giuseppe Catanzaro, presidente di ConfIndustria di Agrigento, e le sue parole: '' una impresa su 4 fallisce per il ritardo dei pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione ''. Ecco perche' adesso gli Industriali siciliani applaudono ed apprezzano il Commissariamento dei Comuni inadempienti. Saranno i Commissari ad acta, nominati dalla Regione siciliana, a sbloccare i pagamenti a favore degli Ato rifiuti. Cosicche' saranno pagate le Imprese che lavorano per gli Ambiti territoriali ottimali.
.......legalita' non solo parolaia, proclami ed ottime intenzioni. Contenuti e concretezza, invece. Contro gli sprechi ed i privilegi. Dunque il Commissariamento anche come premessa storica per riformare il servizio di gestione dei rifiuti in Sicilia. L' obiettivo e' risanare il deficit degli Ato. Poi, a catena, si otterra' efficienza e qualita' nell' igiene ambientale dell' Isola.
........ Giuseppe Catanzaro non usa mezzi termini e afferma: '' chi oggi e' impegnato a bloccare i Commissari a fine mese riceve regolarmente il proprio stipendio al contrario invece di migliaia di lavoratori delle imprese della nettezza urbana ed a discapito della pulizia delle citta' ''.
....... Giuseppe Catanzaro conclude il proprio intervento auspicando che il Governo regionale e l'Agenzia regionale dei rifiuti resistano alle pressioni contro l'insediamento dei Commissari nei Comuni. ''Forza, -- ecco l'appello di Catanzaro - perche' cedere alle pressioni significhera' legittimare gli amministratori ed i burocrati che nel corso degli ultimi anni, violando le regole e omettendo gli atti di loro competenza, hanno provocato l'attuale disastrosa condizione che grava sulle tasche di cittadini e imprese''.

0 commenti