Advertising Console

    Ruoppolo Teleacras - Telecamera traditrice

    Riposta
    Bestiacane

    per Bestiacane

    2,2K
    114 visualizzazioni
    Il servizio di Angelo Ruoppolo Teleacras Agrigento ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538 ) del 23 settembre 2009. Blitz della Squadra mobile di Caltanissetta. Denunciato un rapinatore. L' uomo inchiodato dalle immagini della telecamera interna al locale. (per il video in alta qualità clicca su HQ in basso a destra dello schermo).
    Ecco il testo:
    Non è fantascienza ma è scienza. Ecco ciò che vede la telecamera e che si pensa che non si veda quando invece l' occhio dell' obiettivo vede, e la Polizia provvede. Infatti, lui, l' uomo immortalato dalla fotografia, è stato denunciato. Lui, Dionisio di nome, e Turco di cognome, risponderà di rapina aggravata dalla mano armata. Infatti, la telecamera è stata traditrice, e lui, Turco, 38 anni, di Caltanissetta, la maledirà vita natural durante. Lui ha pensato che rapinare la tabaccheria in Corso Umberto 33 sarebbe stato un gioco da ragazzi. "Entro, con l' arma in pugno, la donna si spaventa, e io rubo i soldi" . Infatti, Dionisio Turco ha pensato bene, e si è comportato di conseguenza. "Mani in alto, l' incasso" . Eccolo, lui, Turco, che imperversa nel negozio della malcapitata. E' lo scorso 8 settembre. Il rapinatore è fuggito e da allora non ha mai pensato che sarebbe stato scoperto. Ed invece no. La tabaccaia si è arrampicata sulla telecamera, ha estratto la bobina e si è presentata quì, alla Questura di Caltanissetta. Lei ha bussato alla porta di lui, il capo della Squadra mobile nissena, Giovanni Giudice. Lui, Giudice, nelle immagini ha riconosciuto subito Dionisio Turco, perchè già segnalato per associazione mafiosa, estorsione, furto, rissa e danneggiamento. Il 38enne è stato denunciato a piede libero ed ha scansato l' arresto e le manette perchè non è stato colto in flagranza di reato. Turco è stato prelevato ed accompagnato in Questura. Quando i poliziotti gli hanno mostrato le immagini e gli hanno domandato: "Dionisio, sei tu o non sei tu ? ", lui ha risposto "sì, sono io ". L' evidenza della fotografia è stata innegabile, indiscutibile, e non è stata discussa. Turco ha controfirmato il verbale della denuncia ed ha telefonato al suo avvocato.