Ruoppolo Teleacras - Vittima del suo amore

Prova il nostro nuovo lettore
Bestiacane
646
107 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il servizio di Angelo Ruoppolo Teleacras Agrigento del 26 gennaio 2010. Sfruttamento ed istigazione della prostituzione a Licata. Blitz dei Poliziotti del locale Commissariato e della Procura di Agrigento. 3 arresti. Ecco il testo:
Una ragazza romena è stata vittima del suo stesso amore. Lei ha 28 anni. Lui è lui, Ioan Apostol, 35 anni. Sono fidanzati. E dalla Romania hanno viaggiato verso l' Italia, la Sicilia, la provincia di Agrigento, Licata. Lei, la donna, è stata scagliata brutalmente contro il destino, pagine di brutalità che lui, Ioan Apostol, ha scritto per lei. Infatti, lei è stata segregata in un casa del centro storico di Licata, a volte anche drogata ed ubriacata, costretta a prostituirsi, a concedersi per 50 euro. Un' altra donna è stata la salvezza della sventurata ragazza romena. Infatti, una poliziotta di quartiere a Licata, Valentina, ha fiutato il sospetto dello sfruttamento. Lei, la poliziotta, arguta, si è accorta di un sospettoso via vai di persone nella zona di residenza del romeno Ioan Apostol. Le indagini, i riscontri, poi il blitz dei Poliziotti del Commissariato di Licata, agli ordini della Commissario, Fatima Celona, e del capo della sezione anticrimine, Angelo Amoroso. Insieme a Ioan Apostol sono stati arrestati due agrigentini, perchè si sarebbero impegnati come procacciatori dei clienti, di ogni ceto sociale, avrebbero accompagnato la romena agli appuntamenti a luci rosse, e ne avrebbero ricavato non solo soldi ma anche favori sessuali. I due sono loro: in carcere Antonino Curella, pensionato, 64 anni, di Licata. Ed è detenuto agli arresti domiciliari, per la sua età avanzata, un altro pensionato, Giuseppe Fiorenza, 74 anni, di Palma di Montechiaro, inteso "Peppi u parmisi" .

0 commenti