Advertising Console

    In Polonia alla ricerca dell'ambra, oro del Baltico. In questo periodo i cercatori della resina fossile fanno affari

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    786 visualizzazioni
    Roma, (TMNews) - Ambra oro del Baltico. Alla fine dell'autunno, infatti, il Mare a nord della Polonia abbandona pezzi di questa resina fossile lungo le spiagge, per la gioia di cercatori, ma anche di gioiellieri e artigiani. Wlodzimierz Janowski fa questo mestiere da oltre 40 anni: raccoglie dal mare l'ambra, per tutti qui l'oro del Baltico per il suo caratteristico colore."Oggi è una buona giornata - dice - questa la vendo a 80 zlotys, quest'altra a 50 l'una, e questa più grossa almeno a 150. Ma si può guadagnare molto di più. Se si trovano due o tre pezzi di 300 grammi ciascuno, si può arrivare a mille zlotys. In un solo giorno".L'attività dei cercatori è solamente una parte del gigantesco mercato nato attorno a questa resina. Ci sono infatti i numerosi negozi di artigianato, dove ogni anno arrivano centinaia di chili di ambra pronti per essere trasformati in gioielli. Ne arriva anche dalla Russia, ma il grosso è polacco.Nei Paesi dell'ex Unione sovietica, gli artigiani di ambra sono completamente spariti con l'epoca comunista, mentre in Polonia sono rimasti. Chi sa lavorare l'ambra è rimasto nel nostro Paese, è un'arte che si è conservata qua", spiega questo artigiano polacco.Capita così che ci siano artigiani, come Lucjan Myrta, che si ritrovano a 66 anni a essere dei veri e propri artisti con oltre 300 tonnellate di resina grezza trasformate in un tesoro dal valore inestimabile.(Immagini Afp)