Siria, le vedove della rivoluzione: la storia di Fatima. 32 anni, 8 figli e un inverno difficile di fronte

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

912
23 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Damasco (TMNews) - Fatima ha 32 anni, 8 figli e nessun modo di mantenere la sua famiglia. Vive insieme con la madre nella sua piccola casa di Tal Rifaat, nel nord della Siria. Il futuro è un'incognita da quando suo marito è stato ucciso da un cecchino dell'esercito di Assad, trasformandola in una delle tante vedove della rivoluzione."Dopo essersi unito alla rivoluzione non stava più con noi, se non per mangiare - racconta - I suoi amici dell'esercito siriano venivano qui oppure era lui a partire con loro. Non lo vedevamo molto". In 20 mesi di conflitto sono morti 40mila siriane, tutte vite che hanno spezzato famiglie e lasciato migliaia di donne e bambini senza mariti e padri, gli unici a portare denaro e cibo in casa."Prima di morire era lui ad occuparsi di nutrire la sua famiglia - racconta Abou Hamid, uno zio che ora si sta occupando di Fatima - ma quando lui è stato ucciso li abbiamo dovuti mandare tutti in Turchia a causa dei bombardamenti". Da ottobre però Fatima e i suoi 8 bambini sono tornati nel loro villaggio, e si preparano a passare l'inverno, senza più bombardamenti per ora, ma anche senza scuole in cui mandare i bambini e senza risorse.

0 commenti