Advertising Console

    La Francia caccia Arcelor-Mittal: "Non rispetta il nostro Paese". Ministro Montbourg contro gruppo acciaio per chiusura altoforno

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,2K
    38 visualizzazioni
    Parigi, (TMNews) - Il governo francese mette alla porta il colosso dell'acciaio Arcelor-Mittal. Il ministro per il risanamento economico, Arnaud Montebourg, ha detto a chiare lettere di non volere più in Francia il gruppo indiano perchè non rispetta il Paese.Una risposta drastica quella del ministro, riportata in una intervista da Les Echos, che arriva a soli sei anni dalla maxi-fusione tra il gruppo franco-olandese Arcelor e la Mittal. All'origine di questa tensione con Parigi, la decisione del gruppo siderurgico di chiudere l'altoforno di Florange, in Lorena. L'annuncio risale al primo ottobre 2012: a partire da quella data il governo aveva due mesi di tempo per trovare un acquirente. Ora che quella data si avvicina la tensione sale e il governo socialista scende in campo in difesa di aziende e lavoratori: "La società non ha mai onorato gli impegni presi nel 2006", tuona dalle colonne di Les Echos il ministro Montbourg che pensa a una nazionalizzazione temporanea del sito siderurgico con l'ingresso nel capitale di un azionista di minoranza. Oltretutto i potenziali acquirenti ci sarebbero ma sono interessati a tutto il sito di Florange e non solo all'altoforno. Una proposta che non piace alla Arcelor Mittal, che ora minaccia: cedere tutto il polo siderurgico in Lorena vuol dire mettere a rischio l'intera presenza in Francia del gruppo, che dà lavoro a 20mila persone.(Immagini Afp)