Ruoppolo Teleacras - Droga e alcol al volante

Prova il nostro nuovo lettore
Bestiacane
603
16 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il servizio di Angelo Ruoppolo Teleacras Agrigento del 13 dicembre 2008. Agrigento e Cammarata, droga e alcol al volante. Non si è ancora spenta l'eco dei recenti interventi dei Carabinieri. Altri arresti e denuncie (per il video seleziona Alta qualità in basso a destra dello schermo).
Ecco il testo:
Non si è ancora spenta l'eco dell'operazione "Il Capo dei Capi", la maxi retata per traffico di droga che ha imperversato mercoledì 3 dicembre. Ed i Carabinieri della Compagnia di Agrigento, capitanati da Giuseppe Asti, sono ancora sulle tracce dell'hashish. Le Gazzelle rosse e nere sono in stato di allerta, 24 ore su 24, tra una curva ed un incrocio, quando meno te lo aspetti. Agrigento come un campo minato. E così nella rete dei Carabinieri è stato incastrato un altro presunto pusher. Eccolo, è lui. Il suo nome è Mario Lo Zito, 36 anni, di Agrigento, celibe, disoccupato. Lui, Lo Zito, è a bordo di un automobile. Un posto di blocco. Il controllo. Implacabile. La ricerca. La scoperta. L'esame e la bilancia. 200 grammi di hashish, divisi in due panetti da un etto ciascuno. Quasi come se fosse la spesa natalizia con lo sconto paghi uno e prendi due. Adesso Mario Lo Zito è in carcere, al "Petrusa" di Agrigento, e risponderà di detenzione e spaccio di stupefacenti. E nel frattempo, anche tra i paesi della zona montana agrigentina non si è ancora spenta la eco del romeno di 27 anni residente a San Giovanni Gemini, Florian Bodgan Draghici, che il giorno dell'Immacolata, l'8 dicembre, ubriaco alla guida ha provocato un incidente, ed un altro la sua compagna, al volante senza patente. Adesso un cittadino di Casteltermini ha seguito l'esempio del romeno. Anche lui ubriaco con il piede sull'acceleratore. Una scheggia impazzita. Pensate, i Carabinieri della Compagnia di Cammarata, agli ordini di lui, il tenente Alessandro Trovato, hanno quantificato tamponamenti e danni, anche ad una pizzeria e ad una profumeria, per 25 mila euro. Dopo la scorribanda il castelterminese è fuggito verso Cammarata. Inseguito e acciuffato, al culmine di una folle corsa. Auto sequestrata. Positivo l' esame dell'alcol. I Carabinieri lo hanno denunciato a piede libero, ha 42 anni, e le iniziali del suo nome sono D.G, come Davvero Giocondo.

0 commenti