Sanità, i medici: troppi esami strumentali, costi eccessivi. In crescita il fenomeno delle medicina difensiva

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

880
19 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Napoli, (TMNews) - La tecnologia ha un ruolo sempre più importante nella cura del malato e i medici lanciano l'allarme: ci sono troppe indagini strumentali ed è necessario rivalutare il metodo clinico, non far scomparire l'aspetto umano e l'esperienza diagnostica nei rapporti tra medico e paziente. Anche perchè questo sta facendo crescere il fenomeno delle medicina difensiva come spiega il dottor Claudio Buccelli Presidente del Comitato etico dell'Università Federico II di Napoli."Il medico per timore di subire un addebito di responsabilità per aver mal gestito il rapporto clinico e la diagnosi con il paziente, abbonda in indagini strumentali".Una tendenza pericolosa che fa lievitare i costi della sanità, prolungando anche i tempi di degenza e aumentando il senso di paura nei pazienti. Per questo serve un cambio di rotta."Meno tecnologia inutile e più attenzione agli esami che si richiedono in modo da far capire al paziente che la tecnologia è un ausilio, ma il ruolo principale resta quello del medico nello stare accanto al paziente e non quello di una macchina che può sostituire un medico".

0 commenti