Advertising Console

    I giornalisti Cnn sotto le bombe di Gaza, la guerra in diretta. Collegamenti interrotti continuamente dalle esplosioni

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    66 visualizzazioni
    Gaza, (TMNews) - Esplosioni in diretta televisiva, fumo in lontananza, la paura negli occhi dell'inviato e del giornalista in studio: immagini che portano per un attimo nelle case di chi guarda il riflesso di quello che si prova sotto un bombardamento. Una scena che si ripete spesso nelle cronache da Gaza City durante l'offensiva israeliana, dove i raid aerei si susseguono uno dietro l'altro.A Gaza i giornalisti della Cnn, arrivati in forze per raccontare l'escalation di violenza, vengono continuamente interrotti dal rumore delle esplosioni provocate dai missili degli F16 che centrano un obiettivo.In territorio israeliano sono i rumori delle sirene a interrompere i cronisti.Ma è a Gaza che le esplosioni non danno tregua. Quest'ultima, durante il collegamento di Anderson Cooper, è avvenuta a poco meno di 400 metri dalla postazione del giornalista.