Ruoppolo Teleacras - Lorena, uccisa a 14 anni

Bestiacane
657
49 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il servizio di Angelo Ruoppolo ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538?ref=search ) Teleacras Agrigento del 15 maggio 2008. A Niscemi, in provincia di Caltanissetta, 3 minorenni confessano l'omicidio di Lorena Cultraro, 14 anni. Ecco il testo:
I nomi sono tre. Alessandro e ha 15 anni. Domenico 16 anni. E Giuseppe 17 anni. A Niscemi adesso loro sono ''I mostri''. '' Fuori dal paese ''. Cosi e' stato scritto su di uno striscione. Poi, '' Lorena, sei stata vittima della tua ingenuita' ''. Un sms, un messaggio sul telefonino cellulare. Cosi' Alessandro, Domenico e Giuseppe si sono accordati. Prima della missione di morte. Alessandro ha confessato: '' lei, Lorena, e' pericolosa. Perche' lei parla con le nostre fidanzate ''. Poi, ancora paura. '' Si', forse e' incinta. La gravidanza, le responsabilita''. Allora taccia per sempre. Sotto una pietra tombale. La stessa che i tre hanno legato al cadavere di Lorena, dopo l'omicidio, prima di buttarla in un pozzo, dove e' stata scoperta da un contadino. E' il 30 aprile scorso. Domenico scrive l' sms agli altri due e i tre sono davanti la scuola. Lorena parla e ripete: '' sono incinta, e incolpero' uno di voi tre ''. Il tranello, la trappola. Lorena sale sulla moto di Giuseppe. Fuori il paese, nelle campagne, dentro un casolare. Alessandro ricorda: ''Domenico e Giuseppe hanno spogliato Lorena. Lei ha resistito. Poi, prima Giuseppe, poi Domenico e poi io abbiamo avuto rapporti con lei ''. Il racconto e' sempre piu' agghiacciante, quanto lucido. Il delitto e' premeditato. '' Giuseppe e Domenico hanno aggredito Lorena. Calci e pugni. Poi hanno afferrato un cavo elettrico e glielo hanno stretto al collo. Lei e' soffocata. Io ho guardato, poi Giuseppe e Domenico mi hanno costretto a tapparle la bocca, perche' lei cercava di gridare aiuto. Poi dalla bocca le e' uscito del sangue, e lei non ha respirato piu' ''. Poi la macabra sepoltura nel pozzo. L'incendio dei vestiti. Il rientro a Niscemi

0 commenti