Advertising Console

    Ruoppolo Teleacras - I Ganci ed il 41 bis

    Bestiacane

    per Bestiacane

    3,2K
    63 visualizzazioni
    Il servizio di Angelo Ruoppolo Teleacras Agrigento del 14 gennaio 2009. Dopo la revoca del 41 bis a Domenico Ganci. Le Procure di Palermo e Caltanissetta scrivono ad Alfano. Il Ministro firma un nuovo 41 bis ( per il video seleziona Alta qualità in basso a destra dello schermo ).
    Ecco il testo:
    Lui è Raffaele Ganci. Lui è il figlio, Calogero Ganci, e lui è un altro figlio, Domenico Ganci. Raffaele Ganci è stato nel cuore di Salvatore Riina. Come il mandamento della "Noce", dove vi è la macelleria dei Ganci, in via Lo Jacono. A metà strada tra le case di Giovanni Falcone e di Rocco Chinnici. Eccoli nella foto insieme a Ninni Cassarà, ucciso da Domenico Ganci. Anche la moglie di Chinnici comprava la carne dai Ganci. Poi loro hanno ucciso suo marito, il Procuratore di Palermo, dopo Cesare Terranova, anche lui morto ammazzato. Calogero Ganci a 34 anni si è pentito. Per i suoi figli. Dopo cento morti sulla coscienza. Le sue prime parole a verbale sono state : "ho ucciso io Dalla Chiesa e la moglie Emanuela". Domenico Ganci, altri 40 omicidi e la strage di Capaci, quando ha saputo del pentimento del fratello lo ha cancellato a modo suo. Per lui, come ha ripetuto ai giudici, "è il signor Calogero Ganci". Adesso Domenico Ganci, inteso Mimmo, è detenuto a Roma, a Rebibbia, e non ha più contatti fuori dal carcere. Almeno secondo i Giudici del Tribunale di Sorveglianza di Roma che gli hanno revocato il 41 bis. Un vespaio di polemiche. Le Procure di Palermo e Caltanissetta hanno già preparato un documento, che leggerà il Ministro della Giustizia. Sarà Alfano a valutare se imporre un altro 41 bis a Ganci. Salvino Caputo, della Commissione regionale antimafia, lancia una proposta: "non siano più i Giudici di sorveglianza a valutare la richiesta di revoca del 41 bis ma un Ufficio centrale a livello nazionale". Nel frattempo, il Ministro ha già rilevato degli elementi nuovi tra le carte spedite dalle Procure siciliane. Oggi Angelino Alfano firma il 41 bis a carico di Domenico Ganci.