Gaza, economia in ginocchio dopo l'escalation militare. Negozianti rischiano la vita, si teme finiscano le scorte

TM News  Video
840
7 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Gaza City, (TMNews) - Rischiare la vita ogni giorno per andare a lavorare. Succede nella Striscia di Gaza, dove l'escalation degli scontri militari ha messo in ginocchio un'economia già in forte crisi dopo l'embargo israeliano, deciso cinque anni fa. A rischiare di morire sono uomini come Zyad, venditore di pomodori e patate al mercato, che pur di continuare a tenere aperto il suo banco sfida i bombardamenti israeliani."Oggi cinque contadini sono morti mentre portavano le loro merci qui al mercato" racconta. A Gaza City sono rimasti aperti sono due mercati su quattro, e solo per qualche ora al giorno: si compra meno, si pensa piuttosto a proteggere la propria vita in un rifugio sicuro."I prezzi sono accessibili ma la gente non compra lo stesso, perchè non va al lavoro e dunque non ha soldi per la verdura. Per loro è comunque troppo cara" spiega Nahim.La paura è che, se l'offensiva militare continuerà, il cibo e i beni di prima necessità cominceranno a scarseggiare."Se si va avanti a lungo, molti beni andranno esauriti" si lamenta Youssef. La tregua, per i cittadini di Gaza, non arriverà mai troppo presto.(immagini Afp)

0 commenti