Napoli - Uccisa a coltellate. Il marito inventa rapina, poi confessa omicidio (live 12.11.12)

Prova il nostro nuovo lettore
Pupia

per Pupia

653
36 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
http://www.pupia.tv - Napoli - Una donna di 36 anni, Antonietta Paparo, domenica sera, intorno alle 21.30, è giunta all'ospedale evangelico "Villa Betania", a Ponticelli, quando era già deceduta. A condurla al nosocomio il marito, Pasquale Iamone, di 38 anni, che, dopo una notte di interrogatorio, ha confessato l'omicidio. Entrambi i coniugi sono di Cercola.

In un primo momento l'uomo aveva raccontato che la moglie era stata uccisa per aver reagito ad una rapina. I coniugi, secondo la prima versione dell'uomo, si erano appartatati in una zona isolata di San Sebastiano al Vesuvio (Napoli). Lì sarebbero stati avvicinati da due persone sconosciute giunte in sella ad uno scooter che volevano rapinarli. La donna avrebbe reagito e sarebbe stata uccisa con una coltellata.

Una versione, quella del marito, che non aveva alcuna ferita, era sembra alquanto improbabile agli agenti della squadra mobile e del commissariato San Giovanni, soprattutto perché era strano che una coppia sposata, con un figlio, si appartasse nella notte in un luogo isolato.

Secondo gli investigatori, Iamone avrebbe ucciso la moglie per motivi passionali, anche se non si escludono altre piste. Ancora nessuna traccia dell'arma utilizzata dall'uomo per accoltellare la moglie. (12.11.12)

0 commenti