Il Cantiere del '900: la via italiana all'arte contemporanea. Viaggio nel museo che accoglie le collezioni Intesa Sanpaolo

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

906
137 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - La storica sede della Banca Commerciale Italiana in piazza Scala a Milano convertita in un grande museo dedicato all'arte del nostro Paese nel secondo Dopoguerra. E' Cantiere del'900, il museo che ospita le collezioni Intesa Sanpaolo e che rappresenta un nuovo spazio di rifessione sull'arte moderna e contemporanea, in dialogo con il vicino Museo del'900. A curare l'allestimento il professor Francesco Tedeschi."Le opere del 900 di Intesa Sanpaolo - ci ha spiegato - coprono tutto l'arco del secolo, la scelta però che è stata effettuata per questa prima presentazione della collezione riguarda il secondo Novecento italiano".Una scelta di selezione dunque, che ha portato ad allestire nel caveau della Comit, di cui è stata mantenuta la struttura bancaria, il deposito delle opere, anche notevolissime, che non hanno trovato spazio nella collezione museale, vuoi perché di autori stranieri, come Picasso, vuoi per le scelte di curatela. "Il filo conduttore - ha aggiunto Tedeschi - è dato da alcune linee che si rincorrono nel corso dei decenni. L'intenzione è stata di non dare un'unica lettura, ma di offrire molteplici soluzioni, anche in relazione al tipo di spazio a disposizione".Tra i celeberrimi concetti spaziali di Lucio Fontana e un Guttuso inatteso, tra un materico Piero Manzoni e le geometrie di Bruno Munari, si scopre la via italiana, necessariamente consapevole della propria storia, alle correnti dell'arte internazionale, come nel caso della Pop Art."La presenza della Venere di Botticelli al posto della Coca Cola - ha concluso il professor Tedeschi - facendo un confronto tra Giosetta Fioroni e Andy Warhol è quasi elementare". E mentre ai piani superiori dell'edificio i banchieri continuano a lavorare, nei saloni del Cantiere si rinnova il mistero della grande arte.

0 commenti