Advertising Console

    Agropoli (SA) - Sequestro per 15 milioni di euro (live 06.11.12)

    Riposta
    Pupia

    per Pupia

    744
    36 visualizzazioni
    http://www.pupia.tv - Agropoli (SA) - Il G.I.C.O. (Gruppo di Investigazioni sulla Criminalità Organizzata) del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Salerno ha dato esecuzione ad una misura di prevenzione patrimoniale emessa dal Tribunale di Salerno - Sezione Misure di prevenzione su richiesta della locale Procura a conclusione di complessi accertamenti sulla base del Nuovo codice Antimafia (D.L.vo 159/2011).

    In particolare, a seguito di autonoma attività info-investigativa, i finanzieri hanno intrapreso mirate indagini volte ad acquisire notizie utili sul conto di un'organizzazione criminale operante anche in altre zone del sud, centro e nord Italia strutturata su base familiare e dedita a furti seriali presso gioiellerie, usure, estorsioni, ricettazioni, truffe ed intestazioni fittizie di beni acquistati con i proventi di tali attività, con conseguente accumulo di ingenti patrimoni ed acquisizione sul territorio di una forza economica che ha consentito agli aderenti all'organizzazione di assumere il controllo di attività economiche nel settore del commercio di autoveicoli, della gestione di bar e centri commerciali.

    Le pertinenti attività d'indagine hanno permesso di accertare l'effettiva presenza di un nucleo familiare originariamente composto dal capostipite e moglie (e successivamente dai figli/e, generi, nuore nipoti per complessivi 31 soggetti) che, dapprima residente all'interno di case di proprietà dell'I.A.C.P. nel Comune di Agropoli, nel tempo ha accumulato ingiustificatamente ingenti ricchezze.

    Le indagini, tese ad individuare l'illecito patrimonio accumulato, hanno confermato integralmente quanto già dichiarato da due collaboratori di giustizia, che indicavano il nucleo familiare come una vera e propria organizzazione ben strutturata dedita alla commissione di furti e rapine in gioiellerie in tutta Italia.

    I collaboratori riferivano, inoltre, che l'organizzazione, che si serviva delle donne della famiglia per perpetrare i furti,