Ruoppolo Teleacras - Duplice omicidio a Licata

Prova il nostro nuovo lettore
Bestiacane
638
136 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il servizio di Angelo Ruoppolo Teleacras Agrigento ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538?ref=search ) del 21 ottobre 2010. A Licata due coniugi anziani accoltellati al culmine di una rapina. Svuotata la cassaforte dentro casa.
Ecco il testo:
Lei con un fazzoletto dentro la bocca, forse perche' non gridasse. Lei in corsa dal primo piano, poi giu' per le scale, e riversa sul pavimento, all'ingresso, accoltellata alla gola, forse dopo un rocambolesco tentativo di fuga. Lui e' cadavere al primo piano, davanti la cucina, anche lui accoltellato alla gola. Cosi' sono morti Antonino Timoneri, 82 anni, ex dipendente comunale e sindacalista in pensione, e Rita Di Miceli, 81 anni, casalinga, marito e moglie, e 10 figli, e 7 vivono in Germania. Licata, via Marotta, nel centro storico, al civico 13. Santo Fornasier, magistrato titolare dell'inchiesta, ha ordinato l'ispezione cadaverica al medico legale. La morte risale alle 18 e 30 di ieri pomeriggio, quando una vicina di casa lancia l'allarme e telefona al 118 : '' correte, sento gridare, due anziani urlano, disperatamente, presto, sbrigatevi ''. La scoperta dell'efferato delitto. La coppia esanime, insanguinata. Le camere sono a soqquadro, ovunque. Nessuna traccia di scasso, forzatura, effrazione, nulla. L'assassino, o forse piu' di uno, hanno bussato, e Rita Di Miceli, originaria di Amatrice, in provincia di Rieti, ha girato il chiavistello. I banditi dentro casa. Forse perche' la donna ha peccato di imprudenza. O forse perche' sono stati dei conoscenti. Lei e' trascinata su, al primo piano, dove e' stato ucciso lui, il marito, poi lei scappa giu', le scale, ma e' accoltellata anche lei, e stramazza, con il fazzoletto alla bocca. Cosi' ipotizzano Carabinieri, Polizia, Squadra mobile e magistrati. La cassaforte dentro casa e' stata svuotata. Nella cassetta di sicurezza, dentro la stanza da letto, sono stati arraffati gioielli e denaro. Ed i malviventi sarebbero stati a conoscenza del contenuto della cassaforte. La chiave e' stata cercata, ecco perche' vi e' tanto disordine, tra mobili e scaffali. E la chiave e' in un mazzo di chiavi che sarebbe stato sempre in possesso della donna. E marito e moglie sarebbero stati accoltellati perche' non avrebbero consegnato la chiave. Ecco la presunta chiave del giallo.

0 commenti