Ruoppolo Teleacras - Mafia, sequestri ed attentati

Bestiacane
422
24 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il servizio di Angelo Ruoppolo Teleacras Agrigento (http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538?ref=search ) del 7 marzo 2011. L'inchiesta antimafia "Iron man" : sequestrato a Siculiana lo stabilimento balneare '' Il capitano ''. A Bivona foglio di minacce al magistrato Salvatore Vella.
Ecco il testo :
Lui e' il Procuratore aggiunto di Palermo, Ignazio De Francisci, gia' a capo della Procura di Agrigento. E lui e' Giovanni Trapani, 56 anni, di Ficarazzi, in provincia di Palermo. Il 5 agosto scorso De Francisci ordina ai Carabinieri l'arresto di Trapani. E' il blitz cosiddetto '' Iron Man '', che decapita la presunta famiglia mafiosa di Ficarazzi, di cui Giovanni Trapani sarebbe il capo. Le indagini svelano che alcuni imprenditori pagano il pizzo emettendo fatture false, ecco la novita' investigativa. Adesso ancora Ignazio De Francisci ha ordinato ai Carabinieri della stazione di Siculiana di sequestrare lo stabilimento balneare e ristorante "Il capitano", eccolo nella fotografia, in contrada Foce, qui, a Siculiana marina, appendice in riva al mare della citta' degli sposi. E perche' ? Perche' lo stabilimento ed il ristorante sono intestati a Maria Giuseppina Triassi, che e' la moglie di Giovanni Trapani, ancora detenuto in un carcere di massima sicurezza ed ufficialmente disoccupato con indennita' di disoccupazione Inps da 700 euro al mese. La Direzione distrettuale antimafia palermitana ritiene che i beni siano stati intestati ai familiari per sottrarli alle misure di prevenzione. Ed infatti, gia' ad ottobre sono stati sequestrati altri beni verosimilmente legati a Giovanni Trapani per complessivi 3 milioni di euro, e tanto varrebbe anche '' Il capitano '' di Siculiana. Nel frattempo, a Bivona, in provincia di Agrigento, ed in Sicilia, imperversa un interrogativo raccapricciante . Ad un convegno giuridico a Bivona, al Liceo classico Pirandello, chi e come e' stato possibile che approfittando dell' assenza di pochi minuti dal tavolo dei relatori di lui, il magistrato di Sciacca, Salvatore Vella, nella sua carpetta e' stato infilato un foglio di minacce ? Si', il riferimento alle automobili usate da Vella, e poi la scritta bum. E' incredibile ma e' quanto accaduto. Salvatore Vella, pubblico ministero e gia' sotto protezione, e' impegnato nelle inchieste antimafia nella zona ovest della provincia agrigentina, tra Scacco matto e Face off. Indagini in corso.

0 commenti