Advertising Console

    Ruoppolo Teleacras - Capaci, 19 anni dopo

    Riposta
    Bestiacane

    per Bestiacane

    2,3K
    16 visualizzazioni
    Il servizio di Angelo Ruoppolo ( http://www.facebook.com/pages/Angelo-Ruoppolo/40129859538?ref=search ) Teleacras Agrigento del 23 maggio 2011. La strage di Capaci, 19 anni dopo, memoria ed esempio.
    Ecco il testo :
    E' il tardo pomeriggio del 23 maggio del 1992. Toto' Riina, Bernardo Provenzano e amici sono incollati davanti alla televisione. La strage di Capaci, l'edizione straordinaria, i telegiornali : '' il giudice Falcone e' ferito ''. Provenzano e' preoccupato : '' se questo campa ci distrugge a tutti ''. Riina lo tranquillizza : '' Bino, non ti preoccupare, mi hanno telefonato dall' ospedale, mi hanno detto di preparare la cravatta nera ''. Ancora la televisione e i telegiornali : '' una notizia che non avremo mai voluto dare, il giudice Falcone e' morto ''. Cosa nostra stappa lo champagne e brinda, e cosi' anche nelle carceri, dove sono detenuti i boss del maxi processo. La Sicilia e l' Italia tremano, in attesa della seconda scossa del 19 luglio contro Paolo Borsellino. Ancora il 23 maggio : dall'aeroporto di Roma Ciampino, alle ore 16 e 40, Giovanni Falcone decolla. Alle 17 e 48 minuti e' a Punta Raisi, e dell'aeroporto, che poi sarebbe stato intitolato '' Falcone e Borsellino '', viaggia verso Palermo. Le tre Fiat Croma corrono sull'autostrada, a 130 chilometri all'ora. Alle 17 e 58 minuti Giovanni Brusca pressa il dito sul pulsante del telecomando, il botto. La Croma marrone non esiste piu', e cosi' i tre poliziotti, Rocco Di Cillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro. Giovanni Falcone, che tre giorni prima ha compiuto 51 anni, muore in ospedale, e cosi' la moglie, Francesca Morvillo, che di anni ne ha 48. Oggi a Palermo il ministro Alfano annuncia il Codice unico antimafia e rilancia l'obiettivo cattura di Matteo Messina Denaro. Il ministro Maroni insiste sull'aggressione ai patrimoni mafiosi. Il procuratore Messineo conferma che vi fu, se non una trattativa, un contatto tra mafia e alcuni uomini delle Istituzioni. Il procuratore Lari annuncia : '' al piu' presto la verita' su via D'Amelio ''. Il capo della Procura nazionale antimafia, Piero Grasso, naviga sulle navi della legalita', insieme agli studenti, perche' le nuove generazioni conservino memoria ed esempio. ...interviste ministri Angelino Alfano, Roberto Maroni, Stefania Prestigiacomo...